Passa ai contenuti principali

Venerdì 6 aprile alle 21 AvaNposto Numero Zero ospita Enzo Moscato in «Compleanno»

                          AvaNposto Numero Zero

fondato e diretto da Egidio Carbone Lucifero

ospita
Enzo Moscato in «Compleanno»

Una produzione della Compagnia Teatrale di Enzo Moscato/Casa del Contemporaneo. Testo e regia di Enzo Moscato. Scene e costumi di Tata Barbalato. Voce su chitarra si Salvio Moscato. Organizzazione, Claudio Affinito.

EVENTO SPECIALE
Venerdì 6 aprile 2018, ore 21.00.

AvaNposto Numero Zero.
Napoli, Via Sedile di Porto 55 (Corso Umberto-Via Mezzocannone)

L'AvaNposto Numero Zero ospita uno spettacolo divenuto ormai un classico della drammaturgia contemporanea. Venerdì 6 aprile, alle ore 21.00 sul palco del teatro di Via Sedile di Porto l'attore, regista, autore, poeta, filosofo e cantante Enzo Moscato porterà in scena «Compleanno», una delle opere più intense e rappresentative del suo repertorio. Una produzione della Compagnia Teatrale di Enzo Moscato insieme con Casa del Contemporaneo. Le scene e i costumi sono di Tata Barbalato. La voce su chitarra è di Salvio Moscato. Organizzazione, Claudio Affinito. Dedicato alla memoria di Annibale Ruccello, il giovane drammaturgo tragicamente scomparso nel 1980, il testo sviluppa il doppio tema incrociato dell'assenza e del delirio intesi come produzione di parole, suoni, visioni e gesti mirati a colmare il vuoto, l'inanità dell'esistenza. O del teatro. «Emotivamente, ho sempre "rifiutato" la morte di Ruccello. L'ho rimossa, negata, sin dai primi istanti successivi alla incredibile, terribile notizia […] E questo rifiuto, questa rimozione, questa negazione del suo svanire fisicamente dal mondo e da questa città […] continua a persistere in me, ancora tuttora, con una caparbietà e una tenacia infantili che, sono certo, dureranno fino a che avrò respiro» ha scritto il Maestro Moscato che in omaggio all'amico scomparso, ha realizzato una specie di esercizio quotidiano del dolore, del controllo e di elaborazione della pulsione di morte, senza assumerne le condotte autodistruttive, ma sorridendone, in un ciclico ricorrere di affinità elettive e sconvolti, teneri ricordi. Sul palco ci sono solo un tavolo, poche sedie, addobbi che rendono pomposo un ambiente disadorno; rose rosse finte, una bottiglia di modesto spumante già stappato, una coppa di metallo, diademi di stagnola, orecchini spaiati, rossetti inaciditi. Un personaggio tristemente agghindato intesse un fitto monologo, condiviso a tratti con il pubblico, che alterna il dialogo solitario con un festeggiato che non arriverà mai, a quello con una parata di personaggi  fantasmatici: una moltitudine di figure provenienti da galassie papiriche-tufacee, rigorosamente 'Made in Naples', ovvero 'Babbilonia'.

Insieme con Annibale Ruccello, Enzo Moscato è considerato il capofila della drammaturgia napoletana successiva a Eduardo De Filippo e interprete di un nuovo teatro di poesia dalle forme coraggiosamente inconsuete, che ricorre a una lingua arcaica e modernissima che lo ha imposto all'attenzione della critica e del pubblico internazionale, che riconosce come suoi ascendenti non solo i grandi autori napoletani, ma evoca Artaud, Genet, i poeti maledetti del IX secolo e Pasolini. Tra i suoi lavori più noti: Embargos (premio UBU 1994), Rasoi (premio della Critica italiana; Biglietto d'oro Agis) da cui è tratto il film di Mario Martone; Pièce Noire (premio Riccione per il Teatro 1985); Compleanno (1986) dedicato alla memoria di Annibale Ruccello; Luparella (1997) da cui è tratto anche un film di Giuseppe Bertolucci, con Isa Danieli e Tà-KàI-Tà dedicato alla memoria di Eduardo (2012). Rilevante anche il percorso di Moscato come "chansonnier" con cinque creazioni musicali: Embargos (1994), Cantà (2001), Hotel de l'Univers (2005), Toledo Suite (2012) e Modo Minore (che ha debuttato al Ravello Festival 2016). Al cinema si è ritagliato dei ruoli unici in Morte di un matematico napoletano di Mario Martone, Libera di Pappi Corsicato, Il viaggio clandestino di Raul Ruiz, l'episodio di Antonietta De Lillo de I Vesuviani, Mater Natura di Massimo Andrei e il Giovane favoloso di Mario Martone. Le sue opere, da Scannasurece a Sull'ordine e il disordine dell'ex macello pubblico, sono pubblicate da Ubulibri. Come narratore ha pubblicato Occhi gettati (1986_Ubulibri) e Gli anni piccoli (2012 _ Guida editore).

Contributo associativo 12€. Ingresso riservato ai soci. 
Botteghino: 366-1149276, botteghino@avanpostonumerozero.it

AvaNposto Numero Zero. Via Sedile di Porto 55 (80134) Napoli; Web: www.facebook.com/APNumeroZero; Botteghino:  366.1149276, botteghino@avanpostonumerozero.it; Direttore Artistico, Egidio Carbone: 347.5829507, egidiocarbone.regista@gmail.com

Post popolari in questo blog

La Biennale di Venezia / Si conclude il 64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea

Domenica 4 ottobre si conclude il 64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea con un concerto in omaggio a Mario Messinis grazie all’Ex Novo Ensemble, che ha raccolto brani di autori legati in vari modi al critico e organizzatore veneziano appena scomparso. Si tratta di Fabio Vacchi, Adriano Guarnieri, Claudio Ambrosini – che a Messinis hanno espressamente dedicato i loro pezzi -, Michele dall’Ongaro e Alberto Caprioli.Il concerto è un omaggio a chi, come Mario Messinis, ha animato la musica del secondo Novecento con curiosità e passione, marcandone i passaggi cruciali stando alla testa delle più importanti istituzioni musicali italiane, fra cui la stessa Biennale Musica, di cui ha firmato edizioni che sono state punto di riferimento.L’ultima giornata del Festival si focalizza poi sui giovani artisti diBiennale College e sulla musica elettronica prodotta grazie al Centro di Informatica Musicale e Multimediale della Biennale di Venezia, che ha fornito software e hardware necess…

Tempo di castagne ai masi Gallo Rosso Escursioni, ricette, prodotti, Törggelen per conoscere la spinosa regina dell’autunno

La castagna è il frutto autunnale per eccellenza: quando ci si accorge della sua presenza si prende coscienza definitivamente del fatto che l’autunno è arrivato e che ci si sta incanalando verso la fredda e lunga stagione invernale senza possibilità di tornare indietro. A questo frutto però si associano ancora momenti di cieli tersi, di belle passeggiate, di pranzi all’aperto e di gite in bicicletta, con temperature gradevoli che però non perdonano chi dimentica di coprirsi per bene.

La castagna oltre ad essere gustosa, è anche ricca di proprietà benefiche e un tempo, soprattutto per la popolazione più povera, era una risorsa molto importante che poteva sostituire il pane, saziando bocche e stomaci affamati.

Trascorrere una vacanza durante il periodo autunnale in un maso Gallo Rosso in Alto Adige offre l’opportunità di conoscere da vicino questo frutto, di raccoglierlo, di assaggiarlo, di partecipare agli eventi ad esso dedicati e di farne scorta portandolo a casa al rientro.

L’Alto Adi…

2021 | 20° stagione della Music Academy International e la 10° edizione di Mezzano Romantica

Appuntamento rinviato all’estate 2021 per la 7° edizione del Trentino Music Festival e la 10° edizione di Mezzano Romantica. Lo annunciano– vista l’attuale situazione legata al Covid 19 - l’Amministrazione Comunale di Mezzano di Primiero e la direzione della Music Academy International di New York, che dal 2014 teneva i suoi corsi estivi internazionali di perfezionamento a Mezzano e nel Primiero. In comune accordo, hanno deciso di sospendere quanto previsto per questa estate, per mantenere il respiro internazionale della manifestazione e per salvaguardare al massimo la salute di tutti, cittadini ed ospiti. “E’ stata una decisione difficile, presa insieme ai nostri partner di Mezzano, anche perché per noi significa non passare l’estate nella “nostra” valle –commenta Maddalena Deichmann, Direttore della MAI- Una grandetristezza, ma la pandemia con i rischi di contagio a livello globale, insieme alla natura internazionale del festival, hanno reso la nostra iniziativa impossibi…

Le proposte dolci sulla neve di Kufsteinerland, in Tirolo

Klumpern: ecco la novità per l’inverno di Kufsteinerland, un territorio a due passi dall’Italia (si trova in Tirolo), dove le atmosfere invernali sono in modalità slow. Il dolce paesaggio innevato, la maestosa fortezza che dall’alto della collina domina il Kufsteinerland, la catena del Kaisergebirge che sembra una cartolina: tutto è una fiaba da vivere in modo speciale. E il Klumpern fa parte delle proposte speciali per scoprire la magia di Kufstein e dei suoi otto pittoreschi paesini, che in inverno assumono le sembianze di un romantico presepe alpino. Klumpern è il tradizionale slittino “rivisitato” in chiave contemporanea: in pratica è un seggiolino montato su uno sci in modo da scendere dalle piste (da slittino) in modo divertente. Più facile da guidare della slitta, adatto a tutti, il Klumpern permette di scendere (anche) piano e godersi gli stupendi paesaggi che si incontrando scendendo dalla splendida baita Mariandlalm, a Thiersee.
Le piste per slittini si snodano su sentieri f…

ARTISSIMA Unplugged | GAM, Palazzo Madama, MAO - Torino | dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021

Artissima Internazionale d’Arte Contemporanea si propone per il 2020 in versione Unplugged. Una formula nuova, dilatata nei tempi e negli spazi, che riunisce esposizioni fisiche, realizzate con Fondazione Torino Musei, e progetti digitali: una versione acustica della fiera che focalizza la propria attenzione sullo strumento (le opere) e la voce (le gallerie).

Con il titolo Stasi Frenetica, dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021 (anteprima su invito il 5 e 6 novembre 2020), i musei della Fondazione Torino Musei – GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama - Museo Civico d’Arte Antica e MAO Museo d’Arte Orientale – ospiteranno un corpus di opere provenienti dalle gallerie di Artissima selezionate per questa edizione della fiera, offrendo uno spaccato di quello che il pubblico avrebbe trovato negli stand. Una presentazione corale sul tema Stasi Frenetica, curata da Ilaria Bonacossa in stretto dialogo con i galleristi coinvolti.

Un lavoro sinergico, nato con e per l…

PALAZZO MORANDO. “MILANO ANNI ’60”, IN MOSTRA LA STORIA DI UN DECENNIO IRRIPETIBILE DELLA VITA DELLA NOSTRA CITTÀ fino al 9 febbraio 2020

Palazzo Morando|Costume Moda Immagine ospita la mostra “Milano Anni ‘60” che ripercorre la storia di un decennio irripetibile che ha consacrato il capoluogo lombardo come una delle capitali mondiali della creatività in grado di assumere il ruolo di guida morale ed economica del Paese.
Promossa da Comune di Milano|Cultura Direzione Musei Storici e curata da Stefano Galli, la mostra è organizzata da MilanoinMostra in collaborazione con la Direzione Musei Storici del Comune di Milano e la Questura di Milano, con il patrocinio della Polizia di Stato e della Regione Lombardia. La rassegna presenta fotografie, manifesti, riviste, arredi, oggetti di design e molto altro ancora, che faranno rivivere al visitatore l’atmosfera di quell’epoca straordinaria in cui Milano, spinta dal boom economico, si trovò improvvisamente a vivere un irrefrenabile fermento culturale, caratterizzato da una forza progettuale senza precedenti e dalla voglia di lasciarsi alle spalle in maniera definiti…