Passa ai contenuti principali

Cerimonia di chiusura della mostra 'Erano Giovani e Forti - Caserta e i suoi figli nella Grande Guerra'

Mercoledì 11 aprile, nella sede del Comando della Brigata Bersaglieri Garibaldi di Caserta si è svolta la cerimonia di chiusura della mostra 'Erano Giovani e Forti - Caserta e i suoi figli nella Grande Guerra 1917/2017'. L'evento - promosso da Provincia, Comune e Reggia di Caserta, Archivio di Stato, Brigata Bersaglieri Garibaldi, Ufficio Scolastico Regionale per la Campania, Società di Storia Patria di Terra di Lavoro e Camera di Commercio - ha rappresentato l'occasione per stilare un bilancio delle attività svolte e per presentare il catalogo della mostra, un volume di 96 pagine in edizione limitata che raccoglie immagini e storia dei 650 cimeli esposti nelle sale della Quadreria della Reggia vanvitelliana da ottobre a febbraio. Relatori della conferenza il Generale Nicola Terzano, comandante della Brigata Bersaglieri Garibaldi, il Dottor Rocco Gervasio in rappresentanza dell'Ufficio scolastico regionale, l'avvocato Alberto Zaza d'Aulisio, presidente della Società di Storia Patria e il Tenente Valentina Cosco, curatrice della mostra. Alla cerimonia hanno preso parte il Generale di Divisione, Fabio Polli, comandante della Divisione Acqui, il presidente di Confindustria Caserta, Gianluigi Traettino, il consigliere comunale con delega ai rapporti con le Forze armate, Pasquale Antonucci e una rappresentanza degli otto istituti scolastici che hanno partecipato al progetto. Nel dettaglio i licei Diaz, Giannone e Manzoni, l'istituto d'arte San Leucio, gli istituti tecnico-professionali Buonarroti, Ferraris e Giordani e l'istituto Salesiano. 'Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti - ha dichiarato nel suo intervento il Generale Terzano -  9mila persone provenienti da tutto il mondo hanno ammirato la mostra e reso omaggio ai 5.718 militari casertani caduti al fronte durante la Prima Guerra Mondiale. Ancora di più abbiamo apprezzato l'impegno e l'entusiasmo dei duecento studenti che, nell'ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro che li ha visti ricoprire il ruolo di guide, hanno saputo narrare e trasmettere ai visitatori il significato e il senso dell'iniziativa. L'obiettivo del resto era proprio questo: lasciare un piccolo seme del ricordo che speriamo possa germogliare e portare i suoi frutti. Soprattutto nelle nuove generazioni'. Nel corso della cerimonia è stato poi consegnato l'Albo d'Oro dei caduti in Terra di Lavoro alla Società di Storia Patria affinché lo custodisca nei suoi archivi. Nei giorni scorsi la Brigata Garibaldi ha altresì omaggiato l'associazione civile Croce Nera Austriaca con una spiga di grano (simbolo di rinascita, speranza e futuro) e con l'Albo della Memoria che commemora le salme dei 274 soldati austro-ungarici sepolti nei cimiteri di Caserta, Maddaloni e Santa Maria C. V. La cerimonia di questa mattina si è conclusa con la consegna degli attestati di partecipazione agli studenti.

IL PROGETTO
La Mostra, che rientra nel progetto di commemorazione del Centenario della Prima Guerra Mondiale, si è avvalsa del logo della "Struttura di Missione per gli anniversari di interesse Nazionale" della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del patrocinio della Fondazione Vittoriale degli Italiani, della Croce Nera Austriaca e della Rai e della collaborazione dell'Istituto Luce Cinecittà srl e della Fondazione Banco di Napoli. Il principio ispiratore della mostra è stato quello del recupero della memoria storica attraverso la riscoperta e la valorizzazione delle storie, dei documenti e degli oggetti che hanno contraddistinto il quotidiano dei 5.718 caduti casertani. 650 cimeli provenienti da Musei storici civili e di Forza Armata, collezioni private, biblioteche, archivi e reggimenti per raccontare le vicende storico-militari nazionali di quel periodo, la vita in trincea, il rancio, gli equipaggiamenti, il ruolo della Croce Rossa, il profilo di Gabriele D'Annunzio e quello di piloti casertani come Oreste Salomone, gli sviluppi compiuti nella sezione del volo e tantissimi altri aspetti della memoria popolare dell'epoca. La mostra (la seconda in tre anni) è stata soltanto uno degli eventi del progetto, iniziato nel 2015, grazie ad un protocollo d'intesa sottoscritto da Brigata Bersaglieri Garibaldi, Reggia di Caserta, Provincia di Caserta, Comune di Caserta, Ufficio scolastico regionale per la Campania, Camera di Commercio, Archivio Di Stato, Società di Storia Patria. Realizzati, infatti, anche convegni, tre giornate di studio, concorsi per le scuole di ogni ordine e grado e un cineforum destinato ad oltre settecento studenti.
Particolarmente apprezzato il sito internet www.eranogiovanieforti.it che ha fatto registrato quasi 750mila visualizzazioni.


Ecco il video della mostra

Per informazioni e contatti


Post popolari in questo blog

La Biennale di Venezia / Si conclude il 64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea

Domenica 4 ottobre si conclude il 64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea con un concerto in omaggio a Mario Messinis grazie all’Ex Novo Ensemble, che ha raccolto brani di autori legati in vari modi al critico e organizzatore veneziano appena scomparso. Si tratta di Fabio Vacchi, Adriano Guarnieri, Claudio Ambrosini – che a Messinis hanno espressamente dedicato i loro pezzi -, Michele dall’Ongaro e Alberto Caprioli.Il concerto è un omaggio a chi, come Mario Messinis, ha animato la musica del secondo Novecento con curiosità e passione, marcandone i passaggi cruciali stando alla testa delle più importanti istituzioni musicali italiane, fra cui la stessa Biennale Musica, di cui ha firmato edizioni che sono state punto di riferimento.L’ultima giornata del Festival si focalizza poi sui giovani artisti diBiennale College e sulla musica elettronica prodotta grazie al Centro di Informatica Musicale e Multimediale della Biennale di Venezia, che ha fornito software e hardware necess…

Tempo di castagne ai masi Gallo Rosso Escursioni, ricette, prodotti, Törggelen per conoscere la spinosa regina dell’autunno

La castagna è il frutto autunnale per eccellenza: quando ci si accorge della sua presenza si prende coscienza definitivamente del fatto che l’autunno è arrivato e che ci si sta incanalando verso la fredda e lunga stagione invernale senza possibilità di tornare indietro. A questo frutto però si associano ancora momenti di cieli tersi, di belle passeggiate, di pranzi all’aperto e di gite in bicicletta, con temperature gradevoli che però non perdonano chi dimentica di coprirsi per bene.

La castagna oltre ad essere gustosa, è anche ricca di proprietà benefiche e un tempo, soprattutto per la popolazione più povera, era una risorsa molto importante che poteva sostituire il pane, saziando bocche e stomaci affamati.

Trascorrere una vacanza durante il periodo autunnale in un maso Gallo Rosso in Alto Adige offre l’opportunità di conoscere da vicino questo frutto, di raccoglierlo, di assaggiarlo, di partecipare agli eventi ad esso dedicati e di farne scorta portandolo a casa al rientro.

L’Alto Adi…

2021 | 20° stagione della Music Academy International e la 10° edizione di Mezzano Romantica

Appuntamento rinviato all’estate 2021 per la 7° edizione del Trentino Music Festival e la 10° edizione di Mezzano Romantica. Lo annunciano– vista l’attuale situazione legata al Covid 19 - l’Amministrazione Comunale di Mezzano di Primiero e la direzione della Music Academy International di New York, che dal 2014 teneva i suoi corsi estivi internazionali di perfezionamento a Mezzano e nel Primiero. In comune accordo, hanno deciso di sospendere quanto previsto per questa estate, per mantenere il respiro internazionale della manifestazione e per salvaguardare al massimo la salute di tutti, cittadini ed ospiti. “E’ stata una decisione difficile, presa insieme ai nostri partner di Mezzano, anche perché per noi significa non passare l’estate nella “nostra” valle –commenta Maddalena Deichmann, Direttore della MAI- Una grandetristezza, ma la pandemia con i rischi di contagio a livello globale, insieme alla natura internazionale del festival, hanno reso la nostra iniziativa impossibi…

ARTISSIMA Unplugged | GAM, Palazzo Madama, MAO - Torino | dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021

Artissima Internazionale d’Arte Contemporanea si propone per il 2020 in versione Unplugged. Una formula nuova, dilatata nei tempi e negli spazi, che riunisce esposizioni fisiche, realizzate con Fondazione Torino Musei, e progetti digitali: una versione acustica della fiera che focalizza la propria attenzione sullo strumento (le opere) e la voce (le gallerie).

Con il titolo Stasi Frenetica, dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021 (anteprima su invito il 5 e 6 novembre 2020), i musei della Fondazione Torino Musei – GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama - Museo Civico d’Arte Antica e MAO Museo d’Arte Orientale – ospiteranno un corpus di opere provenienti dalle gallerie di Artissima selezionate per questa edizione della fiera, offrendo uno spaccato di quello che il pubblico avrebbe trovato negli stand. Una presentazione corale sul tema Stasi Frenetica, curata da Ilaria Bonacossa in stretto dialogo con i galleristi coinvolti.

Un lavoro sinergico, nato con e per l…

Le proposte dolci sulla neve di Kufsteinerland, in Tirolo

Klumpern: ecco la novità per l’inverno di Kufsteinerland, un territorio a due passi dall’Italia (si trova in Tirolo), dove le atmosfere invernali sono in modalità slow. Il dolce paesaggio innevato, la maestosa fortezza che dall’alto della collina domina il Kufsteinerland, la catena del Kaisergebirge che sembra una cartolina: tutto è una fiaba da vivere in modo speciale. E il Klumpern fa parte delle proposte speciali per scoprire la magia di Kufstein e dei suoi otto pittoreschi paesini, che in inverno assumono le sembianze di un romantico presepe alpino. Klumpern è il tradizionale slittino “rivisitato” in chiave contemporanea: in pratica è un seggiolino montato su uno sci in modo da scendere dalle piste (da slittino) in modo divertente. Più facile da guidare della slitta, adatto a tutti, il Klumpern permette di scendere (anche) piano e godersi gli stupendi paesaggi che si incontrando scendendo dalla splendida baita Mariandlalm, a Thiersee.
Le piste per slittini si snodano su sentieri f…

PALAZZO MORANDO. “MILANO ANNI ’60”, IN MOSTRA LA STORIA DI UN DECENNIO IRRIPETIBILE DELLA VITA DELLA NOSTRA CITTÀ fino al 9 febbraio 2020

Palazzo Morando|Costume Moda Immagine ospita la mostra “Milano Anni ‘60” che ripercorre la storia di un decennio irripetibile che ha consacrato il capoluogo lombardo come una delle capitali mondiali della creatività in grado di assumere il ruolo di guida morale ed economica del Paese.
Promossa da Comune di Milano|Cultura Direzione Musei Storici e curata da Stefano Galli, la mostra è organizzata da MilanoinMostra in collaborazione con la Direzione Musei Storici del Comune di Milano e la Questura di Milano, con il patrocinio della Polizia di Stato e della Regione Lombardia. La rassegna presenta fotografie, manifesti, riviste, arredi, oggetti di design e molto altro ancora, che faranno rivivere al visitatore l’atmosfera di quell’epoca straordinaria in cui Milano, spinta dal boom economico, si trovò improvvisamente a vivere un irrefrenabile fermento culturale, caratterizzato da una forza progettuale senza precedenti e dalla voglia di lasciarsi alle spalle in maniera definiti…