Passa ai contenuti principali

Da sabato 29 settembre 4 appuntamenti speciali nel cuore di Benevento con Campania By Night tra passeggiate serali, musica e degustazioni




 "Benevento. Passeggiate serali, musica e degustazioni"

Itinerario storico-artistico alla scoperta della città e dei suoi tesori

Un viaggio sensoriale dai romani all'arte contemporanea

sabato 6, 20 e mercoledì 31 ottobre 2018

www.campaniabynight.it

 

Un concerto-anteprima e tre appuntamenti speciali di Campania by night nel cuore di Benevento.   E' "Benevento. Passeggiate serali, musica e degustazioni" il percorso storico-artistico in programma sabato 6, 20 e mercoledì 31 ottobre che coinvolge per la prima volta nel format Campania By Night la città di Benevento. 


L'iniziativa sarà presentata sabato 29 settembre alle ore 21,30 all'Auditorium di San Vittorino (via Pellegrini Raffaele Tenente 16) con un "assaggio" del percorso attraverso le visite guidate al Complesso di San Vittorino (a partire dalle 20) e il concerto di Giovanni Caccamo, entusiasta testimonial della manifestazione. 


Per l'occasione Strega Alberti offrirà al pubblico una selezione dei suoi prodotti più celebri.


"Benevento. Passeggiate serali, musica e degustazioni" è promosso dalla Regione Campania e realizzato dalla Scabec, in collaborazione con il Mibac, la sezione Turismo e Tempo Libero di Confindustria Benevento, con il Comune di Benevento e con il Conservatorio di Benevento "Nicola Sala".


 L'itinerario propone circa 2 km di trekking urbano, a cura dell'associazione Labirinti, per conoscere ed apprezzare le bellezze della città delle streghe: dal Teatro Romano e l'Arco di Traiano all'installazione site-specific di Mimmo Paladino Hortus Conclusus, passando per la Chiesa di Santa Sofia.


 Una passeggiata storica su due turni di visita (19.00 e 19.20): dall'insediamento osco a quello sannitico, dall'Impero Romano al Ducato Longobardo, dalla dominazione pontificia al Risorgimento fino a giungere al Contemporaneo con l'opera di Paladino, un unicum nel suo genere.


Proprio qui all'Hortus Conclusus si concluderà la visita guidata con l'esibizione dei musicisti del Conservatorio "Nicola Sala" che intratterranno il pubblico al ritmo di brani jazz e swing in acustico; sarà possibile inoltre partecipare ad una degustazione gastronomica tipica offerta dai produttori della filiera agro-alimentare Confindustria Benevento. 


In occasione di questa nuova azione di valorizzazione la Scabec ha progettato una mappa dei siti d'interesse della città di Benevento, con particolare attenzione rispetto l'itinerario proposto, che diventerà parte integrante del materiale informativo distribuito dai servizi turistici della città. 


Mercoledì 31 ottobre, invece, in occasione della giornata nazionale del trekking urbano, si organizzeranno gruppi di visite guidate con una serata a tema "la notte di Ognissanti", una grande festa a conclusione di questo primo intervento di valorizzazione della città.


La partecipazione al percorso "Benevento. Passeggiate serali, musica e degustazioni" è gratuita. L'appuntamento è in Piazza Ponzio Telesino a Benevento, davanti il Teatro Romano alle 18.45; è consigliata la prenotazione al numero 800 600 601 da fisso e 081 19737256 (da cellulare e dall'estero).  Tutte le info su www.campaniabynight.it 

 

Percorso Storico – Artistico

L'itinerario partirà dal Teatro Romano, costruito nel II secolo dall'Imperatore Adriano e inaugurato nel 126 d.c., sorge nella zona occidentale della città antica, sul cardo maximus. Il monumento, la cui cavea misura circa 98 metri di diametro, è costruito in opera cementizia con paramenti in blocchi di pietra calcarea e in laterizio. 


La cavea, ove prendevano posto gli spettatori per assistere agli spettacoli, si è ben conservata e si evincono i tre ordini architettonici che la formavano: l'ordine tuscanico, ionico e corinzio. 


Gode tutt'oggi di un'acustica perfetta e viene utilizzato per spettacoli di vario genere.


Dal teatro romano si raggiungerà l'Arco di Traiano, simbolo della città di Benevento e costruito per volere dell'Imperatore romano Traiano nel 114 d.C., in occasione dell'inaugurazione della via Appia. Alto 15,60 mt e largo 8,60 mt. mostra temi diversi su ogni facciata: scene allegoriche riguardanti la città, le divinità e l'imperatore. Dopo la conquista longobarda nel VI secolo d.C. fu inglobato nella nuova cinta muraria, diventando porta urbica.


Terza tappa è la Chiesa di Santa Sofia, una delle più importanti testimonianze dell'architettura longobarda nella Langobardia Minor, dal giugno 2011 Patrimono UNESCO.


Fu fondata da Arechi II, divenuto nel 758 Duca di Benevento, che la rese il simbolo della spiritualità longobarda, per poi diventare, nel tempo, una delle più potenti dell'Italia meridionale. Inoltre è nel suo "scriptorium" che, nel secolo XII, si sviluppò la scrittura beneventana, famosa in tutto il mondo. 


La pianta è unica nel suo genere: al centro sei colonne sono disposte ai vertici di un esagono e collegate da archi che sorreggono la cupola. L'esagono interno è poi circondato da un anello decagonale con otto pilastri e due colonne ai fianchi dell'entrata. Lo splendore dell'antica chiesa è inoltre testimoniato dai resti dei magnifici affreschi delle absidi.


A 300 metri troviamo l'Hortus Conclusus l'installazione artistica a cura di Mimmo Paladino, realizzata nel 1992 in collaborazione con gli architetti Roberto Serino e Pasquale Palmieri e il lightning designer Filippo Cannata, situata in uno degli orti del Convento di San Domenico. Il nome latino indica un giardino chiuso e un luogo segreto dove gli asceti, meditando, potevano avvicinarsi a Dio.


 L'Hortus è, quindi, un invito a intraprendere un personale percorso della memoria che serva a rivalutare il passato e sé stessi, in armonia con la natura. Tra le opere spicca il Cavallo di Bronzo, tema ricorrente dell'artista, con indosso una maschera d'oro cosi come Agamennone, probabilmente ad evocare il mito del cavallo di Troia.


 

Post popolari in questo blog

Natale 2020 a Bressanone: alla riscoperta di antichi usi e costumi

Durante il periodo natalizio a Bressanone si vive un'atmosfera molto speciale. La prima neve sulle cime circostanti scintilla fino a valle e invita ad affrontare le prime discese sulle piste perfettamente curate. Sia che si tratti di persone attive, di amanti del gusto o appassionati di cultura, Bressanone offre un mix ideale per tutti . Anche se i festeggiamenti per i 30 anni del più antico mercatino di Natale d’Italia sono rimandati a prossimo anno, a Bressanone anche quest’anno ci si può comunque lasciare incantare dall'atmosfera natalizia e godersi la cucina regionale in un ambiente magico. Stiamo riscoprendo un tempo diverso che ci fa rispolverare antiche tradizioni. Se le tradizionali sfilate dei Krampus e di San Nicola e il mercatino non possono essere svolti per motivi di sicurezza, ci sono altri usi e costumi da far rifiorire e antiche tradizioni che non mancheranno. Quest’anno, infatti è confermato il calendario dell’Avvento alla facciata di un edificio

Il calendario dell'Avvento firmato La Montina

Franciacorta La Montina Natale 2020   La Montina , storica cantina di Monticelli Brusati in Franciacorta, quest’anno accompagnerà al Natale clienti e appassionati con un’iniziativa nuova, che fonde il mondo social con quello reale. Venticinque giorni di sconti e promozioni a sorpresa , pubblicati quotidianamente sulle pagine social della cantina per rendere lo shopping online più interattivo e conveniente. Un prodotto o una categoria di prodotti sarà protagonista per 24 ore , ovvero per il tempo di validità della promozione: sconti flash facilmente attivabili con il codice che ogni giorno verrà pubblicato sugli account ufficiali de La Montina (Instagram: la_montina Facebook: Tenute La Montina Sito: www.lamontina.com ). Come da tradizione il calendario dell’Avvento scoprirà la sua prima “casella” martedì 1° dicembre. Non è dato sapere quale sarà la sorpresa d’apertura pensata da La Montina, che però anticipa attraverso le parole del suo Export e Marketing manager, Michele Bozza “Questa

Grado si trasforma nell'Isola del Natale | Dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Grado presepi phMarioCallegari Anche per le festività di fine anno 2020 Grado (l’”Isola del Sole”), incantevole borgo del Friuli VG sospeso fra la laguna e il mare Adriatico, si trasforma nell’Isola del Natale riproponendo, tra l’altro, la tradizionale Rassegna dei presepi, che mette in mostra, dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, oltre 200 creazioni. A realizzarle, saranno non solo abili artigiani, ma anche semplici appassionati, che utilizzeranno i più diversi materiali per creare presepi di varie dimensioni, curiosi, curati e ben ambientati. Disposti en plein air lungo il Porto Mandracchio (all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località) e perfettamente ambientati, saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri), inoltre, saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e

DENISE FARO DAL 20 NOVEMBRE 2020 IN RADIO E DA OGGI DISPONIBILE IN PRE-SAVE “Jacuzzi”

Denise Faro Poliedrica, eclettica e “ figlia del mondo ” DENISE FARO è una cantante, autrice e attrice italiana che da anni vive a Los Angeles. Il 20 novembre entrerà in rotazione radiofonica il nuovo singolo, “ Jacuzzi ” , da oggi disponibile in pre-save.   www.denisefaro.com/jacuzzi Appassionata fin da bambina al canto, alla danza e alla recitazione, Denise ha mosso i primi passi ricoprendo alcuni ruoli sugli schermi televisivi e cinematografici fino a calcare i palchi teatrali italiani e internazionali. In seguito, dedicatasi principalmente alla musica è stata la prima e unica italiana ad entrare nel famoso tv show messicano “ La Academia ” , una competizione canora che ha visto nascere alcuni dei più grandi artisti latini. Lo show dà il via alla carriera oltreoceano di Denise che nel 2012 conquista i cuori latini, vincendo u no dei "festival della canzone ” più importanti al mondo, “ El Festival de Viña del Mar ” , rappresentando l ’ Italia con un suo brano inedi

Friuli Venezia Giulia. La Nuova Cucina - Rinviate al 26 novembre le ultime due cene-laboratorio del ciclo autunnale

 Friuli Venezia Giulia La Nuova Cucina A causa delle ultime normative anti Covid, le ultime due cene - laboratorio del calendario autunnale di Friuli Venezia Giulia - La Nuova Cucina previste per il 29 ottobre al ristorante Costantini a Collalto di Tarcento e al ristorante Paradiso a Pocenia sono state ricalendarizzate a giovedì 26 novembre . Si chiuderà allora il primo ciclo di 20 eventi di questo progetto che ha riscontrato molto interesse ed ha fatto registrare in tutti gli appuntamenti l’overbooking. Il 26 novembre Costantini ospiterà, per l’occasione, gli chef dei ristoranti Da Toni di Gradiscutta di Varmo e Tre Merli di Trieste, mentre Al Paradiso gli chef in scena saranno quelli dei ristoranti La Subida di Cormòns ed Enoteca di Buttrio, secondo l’apprezzato format di queste cene-laboratorio, che sono firmate da due chef del consorzio Friuli VG Via dei Sapori e da uno dei 20 giovani chef, nuovi “amici” in cui il gruppo crede, che sono stati invitati a collaborare al pr

LUCKY LUCIANA, la rapper che si è fatta conoscere per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito

Trasgressiva, irriverente ed esplosiva, LUCKY LUCIANA è una rapper decisa ad abbattere i tabù e a riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile!      L’artista si mostrerà, lunedì 16 novembre, in una veste ancora più provocatoria nel video di “ WAP ITALIAN REMIX ”, una rivisitazione della chiacchieratissima hit mondiale di Cardi B e Megan Thee Stallion. Lucky Luciana si è fatta conoscere quest’anno per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito con i brani “ Lucky Pussy Cash ” e “ A Milano ”, in cui l’artista racconta parte del suo passato difficile e i lati più controversi del capoluogo lombardo. Classe 1995, Lucky Luciana, pseudonimo di Luciana Campolongo, nasce a Castrovillari in provincia di Cosenza. Da sempre amante della scrittura, si sente finalmente libera di esprimersi solo quando incontra un linguaggio affine alla propria penna, il rap. Nei suoi testi ritroviamo infatti la sua vita, segnata da un’infanzia difficile a causa di un padre assente e di u