Fino a lunedì 26 novembre il mondo ironico e paradossale di Franz Borghese in mostra al Maschio Angioino


                                       

   Franz Borghese 

"Ci rivedremo a Filippi"

a cura di Marina Guida 


Maschio Angioino, Napoli

fino al 26 novembre 2018 (ingresso gratuito)


Prosegue al Maschio Angioino la mostra "Ci rivedremo a Filippi" tre corpus di opere grafiche del pittore e sculture romano Franz Borghese, a cura di Marina Guida.


Il progetto, organizzato dalla galleria Italarte in collaborazione con l'assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, si compone di 8 tempere (tutte inedite, mai esposte sinora), 20 disegni a china originali, 7 acqueforti (alcune delle quali inedite) ed una scultura in bronzo.


Aperta fino al 26 novembre 2018, la mostra accoglie i visitatori in un'atmosfera ironica e surreale.

Il titolo del progetto è mutuato da una celebre frase giunta a noi dall'antichità. Secondo la tradizione, fu pronunciata dal fantasma di Giulio Cesare che così si rivolse a Bruto.  L'espressione attualmente è usata per indicare che prima o poi si arriverà ad una resa dei conti.

Nella prima sala in esposizione l'universo anticonformista di Borghese che con provocazioni ironiche e satiriche rappresenta i poteri forti, il mondo alto borghese, la povertà d'animo in una serie di otto tempere degli anni '90 di medie e grandi dimensioni – inedite - e 7 acqueforti tratte dalla cartella "l'amore classico" del 1975.

L'artista mette in scena un imponente corteo di creature mostruose e grottesche, una onnicomprensiva caricatura trasformativa e deformante, che rende gli esseri umani manichini di sé stessi.

Nella seconda sala sono in esposizione 20 disegni originali a china, tratti dal ciclo "W la Guerra" del 1976 nei quali emerge il suo impegno antimilitarista. Tutti i lavori selezionati, sono degli anni Settanta e Novanta nei quali l'artista denunciava lo spettacolo della mediocrità della classe borghese, che dell'ipocrisia moralistica aveva fatto costume di vita e dell'indifferenza e della violenza - declinata in tutte le forme - buona norma di condotta.

Gli atteggiamenti dei soggetti di Franz Borghese descrivono lo spirito di una nazione che solo in apparenza sembra passato, ma a ben guardare perdura tutt'oggi.

La mostra, sarà visitabile fino al 26 novembre 2018, secondo gli orari del museo: tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.00. Domenica dalle 8.30 alle 13.00. Ingresso gratuito.



 


Post popolari in questo blog

L’attrice Claudia Conte torna sul set con un nuovo progetto cinematografico che la vede ricoprire il ruolo di una mendicante.

Verdi Off, al via la V edizione | Parma, Busseto e dintorni | 11 settembre-10 ottobre 2020

I Legnanesi Story in Video