Passa ai contenuti principali

Sabato 10 e domenica 11 novembre al NEST Poveri Cristi, viaggio in Versi e Musica nella poesia dialettale


 

 10 - 11 novembre 


 

NEST

 

Napoli Est Teatro 

  


presenta

 

POVERI CRISTI 

Viaggio in versi e musica nella poesia dialettale 

      Di e Con Gennaro Di Colandrea e Valentina Elia


Arrangiamenti Anna Della Ragione

Musicisti in scena Anna Della Ragione (chitarra)

Antonio Della Ragione (percussioni)


Regia e spazio scenico Gennaro Di Colandrea


Versi e canti della tradizione dialettale del Sud in unico spettacolo dal titolo "Poveri Cristi" di e con Gennaro Di Colandrea e Valentina Elia in scena  al Nest - Napoli est Teatro - il 10 e 11 novembre. Da Jacopone da Todi a Mimmo Borrelli, passando per Russo, Trilussa, Di Giacomo, Viviani, Eduardo, Buttitta, Profazio, Balistreri, Sovente, sarà un viaggio nella poesia dialettale con gli arrangiamenti di Anna Della Ragione e le percussione di Antonio Della Ragione. 


Protagonista dello spettacolo è il canto dei "Poveri Cristi" a volte rassegnato, faticoso, intimo e disperato, a volte gioioso e di speranza: è l'espressione delle loro gioie e dolori.


È un canto in dialetti dell'Italia del Sud, ma è di tutti i "poveri cristi" della Terra.


Si "canta" il sud dell'anima, ovvero tutte quelle zone e quei temi che riguardano la diversità, l'esclusione, l'emarginazione.


Si "canta" la speranza di una vita da "cristiani", riferendosi ad un piano laico del termine: una vita umana, dove ognuno si prenda cura non solo di se ma anche del resto del genere umano: l'Umanità. Perché la scelta del dialetto? Dal punto di vista culturale (e dalla cultura, soprattutto modus vivendi) linguistica, l'Italia non ha una propria identità nazionale: la sua identità è nella conservazione delle particolarità e delle differenze.


Ci sono tante identità regionali, culture e idiomi nel nostro Paese che sono espressione delle radici storiche e culturali che hanno formato i diversi "popoli" che abitano l'Italia. In ogni dialetto c'è la loro peculiarità, la loro arcaica, la loro genuinità e la loro purezza che li distingue.


Nonostante i vari tentativi di omogeneizzare e creare "l'uomo italiano", per fortuna il dialetto resiste e vive più forte di prima. La cancellazione significa spazzare via la cultura italiana.


Il Regista


Il nostro viaggio parte dal primo "povero Cristo" (suo malgrado) Adamo, passando per colui che dà il titolo allo spettacolo, fino ad arrivare a storie in versi di "poveri Cristi" più comuni: un soldato che racconta il suo disperato gesto di umanità verso un suo commilitone, un pescatore di frodo monco che racconta gli abusi da parte del padre, una donna violentata e accolta dal mare che ne fa un delfino, un uomo che abbandona la sua Sicilia per cercare fortuna nelle miniere di Marcinelle che poi diventeranno la sua tomba, un uomo che prega San Pietro di accoglierlo in Paradiso dopo una vita di Inferno, una comunità di contadini che spera in una discesa di Cristo dalla Croce, affinchè li liberi da una vita fatta solo di nulla, fatta solo di miseria e "fatica".


In generale canti e "cunti" di disperazione e speranza, che sanno di mare e di terra, di campane suonate a morto o a festa.


La tragedia dell'uomo è affrontata in questo nostro viaggio, in questa cerimonia laica (lo stesso spazio scenico è costituito da due leggii-pulpiti e croci di materiali diversi da dove gli attori cantano e "cuntano" le diverse vicende), col riso, quello amaro, quello che fa riflettere, con l'ironia che contraddistingue il Sud. Il Sud non solo d'Italia, dicevamo, ma un Sud dell'anima.


Ci piace terminare la performance con un canto di gioia, festa propiziatoria, come augurio per una "presta guarigione" dell'uomo: un canto di speranza. (Gennaro Di Colandrea) 


  

 

INFO E CONTATTI

 Nest Napoli Est Teatro -  Via Bernardino Martirano 17 - San Giovanni a Teduccio , Napoli

Poveri Cristi  - 10 novembre (ore 21) e 11 novembre ore 18 

biglietto intero 12 euro - ridotto 10 euro 

+39 3208681011

Info.teatronest@gmail.com

WWW.NAPOLIESTTEATRO.COM







--



Post popolari in questo blog

Natale 2020 a Bressanone: alla riscoperta di antichi usi e costumi

Durante il periodo natalizio a Bressanone si vive un'atmosfera molto speciale. La prima neve sulle cime circostanti scintilla fino a valle e invita ad affrontare le prime discese sulle piste perfettamente curate. Sia che si tratti di persone attive, di amanti del gusto o appassionati di cultura, Bressanone offre un mix ideale per tutti . Anche se i festeggiamenti per i 30 anni del più antico mercatino di Natale d’Italia sono rimandati a prossimo anno, a Bressanone anche quest’anno ci si può comunque lasciare incantare dall'atmosfera natalizia e godersi la cucina regionale in un ambiente magico. Stiamo riscoprendo un tempo diverso che ci fa rispolverare antiche tradizioni. Se le tradizionali sfilate dei Krampus e di San Nicola e il mercatino non possono essere svolti per motivi di sicurezza, ci sono altri usi e costumi da far rifiorire e antiche tradizioni che non mancheranno. Quest’anno, infatti è confermato il calendario dell’Avvento alla facciata di un edificio

Il calendario dell'Avvento firmato La Montina

Franciacorta La Montina Natale 2020   La Montina , storica cantina di Monticelli Brusati in Franciacorta, quest’anno accompagnerà al Natale clienti e appassionati con un’iniziativa nuova, che fonde il mondo social con quello reale. Venticinque giorni di sconti e promozioni a sorpresa , pubblicati quotidianamente sulle pagine social della cantina per rendere lo shopping online più interattivo e conveniente. Un prodotto o una categoria di prodotti sarà protagonista per 24 ore , ovvero per il tempo di validità della promozione: sconti flash facilmente attivabili con il codice che ogni giorno verrà pubblicato sugli account ufficiali de La Montina (Instagram: la_montina Facebook: Tenute La Montina Sito: www.lamontina.com ). Come da tradizione il calendario dell’Avvento scoprirà la sua prima “casella” martedì 1° dicembre. Non è dato sapere quale sarà la sorpresa d’apertura pensata da La Montina, che però anticipa attraverso le parole del suo Export e Marketing manager, Michele Bozza “Questa

Grado si trasforma nell'Isola del Natale | Dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Grado presepi phMarioCallegari Anche per le festività di fine anno 2020 Grado (l’”Isola del Sole”), incantevole borgo del Friuli VG sospeso fra la laguna e il mare Adriatico, si trasforma nell’Isola del Natale riproponendo, tra l’altro, la tradizionale Rassegna dei presepi, che mette in mostra, dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, oltre 200 creazioni. A realizzarle, saranno non solo abili artigiani, ma anche semplici appassionati, che utilizzeranno i più diversi materiali per creare presepi di varie dimensioni, curiosi, curati e ben ambientati. Disposti en plein air lungo il Porto Mandracchio (all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località) e perfettamente ambientati, saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri), inoltre, saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e

Friuli Venezia Giulia. La Nuova Cucina - Rinviate al 26 novembre le ultime due cene-laboratorio del ciclo autunnale

 Friuli Venezia Giulia La Nuova Cucina A causa delle ultime normative anti Covid, le ultime due cene - laboratorio del calendario autunnale di Friuli Venezia Giulia - La Nuova Cucina previste per il 29 ottobre al ristorante Costantini a Collalto di Tarcento e al ristorante Paradiso a Pocenia sono state ricalendarizzate a giovedì 26 novembre . Si chiuderà allora il primo ciclo di 20 eventi di questo progetto che ha riscontrato molto interesse ed ha fatto registrare in tutti gli appuntamenti l’overbooking. Il 26 novembre Costantini ospiterà, per l’occasione, gli chef dei ristoranti Da Toni di Gradiscutta di Varmo e Tre Merli di Trieste, mentre Al Paradiso gli chef in scena saranno quelli dei ristoranti La Subida di Cormòns ed Enoteca di Buttrio, secondo l’apprezzato format di queste cene-laboratorio, che sono firmate da due chef del consorzio Friuli VG Via dei Sapori e da uno dei 20 giovani chef, nuovi “amici” in cui il gruppo crede, che sono stati invitati a collaborare al pr

DENISE FARO DAL 20 NOVEMBRE 2020 IN RADIO E DA OGGI DISPONIBILE IN PRE-SAVE “Jacuzzi”

Denise Faro Poliedrica, eclettica e “ figlia del mondo ” DENISE FARO è una cantante, autrice e attrice italiana che da anni vive a Los Angeles. Il 20 novembre entrerà in rotazione radiofonica il nuovo singolo, “ Jacuzzi ” , da oggi disponibile in pre-save.   www.denisefaro.com/jacuzzi Appassionata fin da bambina al canto, alla danza e alla recitazione, Denise ha mosso i primi passi ricoprendo alcuni ruoli sugli schermi televisivi e cinematografici fino a calcare i palchi teatrali italiani e internazionali. In seguito, dedicatasi principalmente alla musica è stata la prima e unica italiana ad entrare nel famoso tv show messicano “ La Academia ” , una competizione canora che ha visto nascere alcuni dei più grandi artisti latini. Lo show dà il via alla carriera oltreoceano di Denise che nel 2012 conquista i cuori latini, vincendo u no dei "festival della canzone ” più importanti al mondo, “ El Festival de Viña del Mar ” , rappresentando l ’ Italia con un suo brano inedi

LUCKY LUCIANA, la rapper che si è fatta conoscere per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito

Trasgressiva, irriverente ed esplosiva, LUCKY LUCIANA è una rapper decisa ad abbattere i tabù e a riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile!      L’artista si mostrerà, lunedì 16 novembre, in una veste ancora più provocatoria nel video di “ WAP ITALIAN REMIX ”, una rivisitazione della chiacchieratissima hit mondiale di Cardi B e Megan Thee Stallion. Lucky Luciana si è fatta conoscere quest’anno per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito con i brani “ Lucky Pussy Cash ” e “ A Milano ”, in cui l’artista racconta parte del suo passato difficile e i lati più controversi del capoluogo lombardo. Classe 1995, Lucky Luciana, pseudonimo di Luciana Campolongo, nasce a Castrovillari in provincia di Cosenza. Da sempre amante della scrittura, si sente finalmente libera di esprimersi solo quando incontra un linguaggio affine alla propria penna, il rap. Nei suoi testi ritroviamo infatti la sua vita, segnata da un’infanzia difficile a causa di un padre assente e di u