Passa ai contenuti principali

Grande successo per la prima edizione del Napoli Horror Festival

Successo per i tre giorni della prima edizione del Napoli Horror Festival all’Ex Base Nato di Bagnoli, organizzato da Cooperativa Mestieri del Palco in collaborazione con la Compagnia CRASC, che da alcuni anni promuove eventi a carattere multidisciplinare.
Napoli Horror Festival è un evento dedicato al tema paura e il logo rappresenta una stilizzazione dell’amigdala, la ghiandola del cervello che gestisce e controlla le emozioni ancestrali, tra cui la paura.
Come tutte le emozioni ancestrali, anche la paura può generare arte ed il tema della prima edizione del festival è stato proprio l’arte generata dalla paura.

Il Festival ha ricevuto grandi riconoscimenti e apprezzamenti da parte degli esperti e appassionati del settore, come Sergio Stivaletti e il professor Brancato. Per l’organizzazione, è stata una grande soddisfazione avere tra il pubblico grandi e piccini e volti noti del mondo dello spettacolo, come Rosaria De Cicco e Francesco Paolantoni che domenica si sono presentati a sorpresa con un travestimento originale. Anche la Presidente della Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia, Maria Patrizia Stasi, che ha ospitato il festival, si è congratulata con l’organizzazione per la cura dei dettagli.

È la prima volta in assoluto che si svolge a Napoli un festival dedicato all’horror ed è l’unico in Italia che ha un programma articolato con mostre, performance, proiezione di film, un escape room, dibattiti ed un incredibile jumpscare tunnel. Attori, effetti speciali e atmosfere horror hanno regalato un percorso emotivo e sensoriale degno delle altre attrazioni sul genere presenti nelle maggiori capitali europee, come hanno potuto constatare molti visitatori.

Tra gli ospiti e gli artisti intervenuti, Massimiliano Gallo, Sergio Stivaletti, professor Sergio Brancato, professor Giuseppe Limone, Marco Perillo, Massimo Piccolo, Gennaro Varavallo, Nicola Guarino, Baracca dei Buffoni, Artgarage, Daniele Misischia, Francesco Prisco, Anna Ceprano, Cristiano Ciccotti, Federico Frusciante, Giuseppe Colella, Anemone Ledger, Campo 77. Tra gli altri, il regista Nicola Guarino ha curato “La madre, i figli e la paura”, tra le performance, Artgarage ha curato “Bella ‘Mbriana” con le coreografie di Emma Cianchi e CRASC e Baracca dei Buffoni hanno realizzato la performance itinerante “Apocalypse Parade” performance itinerante.

Tanti applausi e consensi per la performance di fuoco “NULLEAMAI FIRE PERFORMER” e l’installazione “L’ora d’aria”, a cui il pubblico poteva partecipare attivamente.

Da segnalare, anche gli incontri “Napoli segreta” a cura di Marco Perillo e “Degli orrori e di altri demoni” a cura di Massimo Piccolo e Birdland – suggestioni, suoni e sapori dalla parola scritta, un format che trasforma la “parola scritta” in spettacolo, un mix alla ricerca del giusto equilibrio tra narrazione, recitazione e canto.

L’organizzazione della manifestazione ha promosso anche una serie di iniziative per coinvolgere direttamente gli appassionati del genere e premiarli attraverso il concorso letterario e di corti cinematografici. Per il Concorso Letterario, è risultata vincitrice la giornalista Roberta D’Agostino con il suo racconto intitolato “L’odore della morte”.

Per il Concorso dedicato ai corti sono arrivate 855 proposte artistiche provenienti da tutto il mondo, tra cui Iran, Giappone, Canada, Turchia, Argentina, e ha vinto “Love life and sausages” diretto da Marco Vitelli. Grande partecipazione ha avuto, inoltre, il contest per il Miglior Cosplay Horror e la giovanissima Giada, che ha interpretato Annabelle la bambola assassina, ha vinto un viaggio in Transilvania con il suo costume realizzato rigorosamente a mano.
 
Dopo la soddisfazione della prima edizione, all’organizzazione non resta che dare appuntamento al prossimo anno.
 
#napolihorrorfestival
 
CHI SIAMO

MESTIERI DEL PALCO Società Cooperativa senza scopo di lucro.

La Cooperativa nasce nel 2014 come progetto di promozione dell'improvvisazione teatrale in Italia e dall’esigenza di fornire servizi e consulenza agli artisti e alle compagnie con lo slogan: solo il bello dello spettacolo, sollevando quindi gli artisti dalle incombenze burocratiche.

In soli cinque anni di attività produce e distribuisce spettacoli ed organizza rassegne, collaborando con diverse strutture già presenti sul territorio regionale e nazionale.
Riconosciuta e sostenuta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali ai sensi DD 27/07/2017 – progetti speciali e dalla Regione Campania ai sensi della LR 6/2007, è promotore del Progetto Zeta – dai valore al tuo lavoro, che crea sinergia fra le strutture che si occupano di arti sceniche e cultura ma che, per mancanza di requisiti strutturali, economici e formali non riescono agevolmente ad accedere individualmente ai finanziamenti pubblici e privati destinati al settore di appartenenza. Il Progetto Zeta mette insieme le progettualità singole di queste realtà creando economie e opportunità di lavoro.
 
BEATRICE BAINO

A gennaio 2019 Beatrice Baino ha festeggiato 25 anni di carriera. Un percorso lungo e articolato che nasce da una grande passione per le arti performative, si forma all'interno della cooperativa CRASC di cui cura la direziona artistica dal 2007 e si sviluppa a tutto tondo con il confronto con moltissime realtà del panorama culturale campano.
Specializzatasi in eventi multidisciplinari organizza e gestisce manifestazioni di diverso genere.
 
LA LOCATION

Area Ex-Nato
Da base militare a ‘Parco della conoscenza e del tempo libero’.

Stretta tra il mare e la periferia, l’Ex Base della Nato di Bagnoli è stata recentemente aperta ai cittadini.
La storia del complesso, dentro le cui stanze si decise di bombardare Belgrado, vede l’inaugurazione del collegio per bambini indigenti nel maggio del ’40. Nel 42’ la struttura viene riacquisita dalle autorità militari italiane, poi da quelle tedesche e infine dagli alleati.

Tra il ‘47 e il ‘52 ospita i profughi di guerra istriani e dall’aprile del ’54 diventa la base Nato più grande d’Italia.
Un patrimonio ampio, attualmente amministrato dalla Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia, che consta di 400mila metri cubi di edifici e circa una trentina di ettari, di cui tredici adibiti a spazi agricoli. Oltre alle due scuole internazionali bilingue, la struttura ospita un campo di rugby appena ristrutturato, campetti minori e una piscina olimpionica.

Con il varo del Parco della Conoscenza e del Tempo Libero, vengono poste le basi per la creazione di un’area a forte caratterizzazione socio-culturale.
 
Napoli Horror Festival
Direzione artistica Beatrice Baino
Segreteria organizzativa Diana Di Paolo
Ufficio Marketing e Comunicazione Rino Pinto
Social Media Manager Marco Giaquinto
Grafica Floriana Romano
Sito web Tagit
Direttore di produzione Puccio Anatrella – Dark Side Prod
Responsabile sicurezza Mario Petrella
Allestimenti scenografici Vittorio Barresi
Elementi scenografici Dalila Blasio
Installazioni visive Aelion Project
Disegno luci Gianluca Sacco
Make up Andrea Borgia New Flesh Make up & Creative Lab. Brigade: Maria Quagliarello, Federica Marino, Micol Cappelli, Sara Signore
Attori Antonio D’Avino, Selvaggia Filippini, Cecilia Lupoli, Giulia Menna, Marco Montecatino, Mauro Palumbo, Rossella Santoro, Pietro Tammaro, con gli attori della compagnia Coffee Brecht e della compagnia Naviganti InVersi
Biglietteria Azzurro Service
Media Partner Radio Siani – Radio della Legalità
 
Convenzioni
La Feltrinelli, Edenlandia, Palestre Vegetha, Fit-Express, Up Level Fitness
 
Si ringrazia per il sostegno
Compagnia Il Demiurgo, Tiziana Grassi dell’Ospedale delle Bambole, Fondazione Banco di Napoli per l’Assistenza all’Infanzia, Tam tam Digifest, Emma Cianchi, Roberta D’Agostino, Emma Di Lorenzo, Coffee Brecht, Alessandro Pelliccia, Cristiano Pizzicato, Simona Raia, Napoleone Zavatto, Francesco Rivista, Max Amitrano, Massimo Piccolo, Giuseppe Colella, Chiara Pavolini, Giulia Poggi, Peppe e Quintino La Valle, Mela Flauto, Ernesto De Coro, Giovanna De Rosa.

Post popolari in questo blog

Natale 2020 a Bressanone: alla riscoperta di antichi usi e costumi

Durante il periodo natalizio a Bressanone si vive un'atmosfera molto speciale. La prima neve sulle cime circostanti scintilla fino a valle e invita ad affrontare le prime discese sulle piste perfettamente curate. Sia che si tratti di persone attive, di amanti del gusto o appassionati di cultura, Bressanone offre un mix ideale per tutti . Anche se i festeggiamenti per i 30 anni del più antico mercatino di Natale d’Italia sono rimandati a prossimo anno, a Bressanone anche quest’anno ci si può comunque lasciare incantare dall'atmosfera natalizia e godersi la cucina regionale in un ambiente magico. Stiamo riscoprendo un tempo diverso che ci fa rispolverare antiche tradizioni. Se le tradizionali sfilate dei Krampus e di San Nicola e il mercatino non possono essere svolti per motivi di sicurezza, ci sono altri usi e costumi da far rifiorire e antiche tradizioni che non mancheranno. Quest’anno, infatti è confermato il calendario dell’Avvento alla facciata di un edificio

Il calendario dell'Avvento firmato La Montina

Franciacorta La Montina Natale 2020   La Montina , storica cantina di Monticelli Brusati in Franciacorta, quest’anno accompagnerà al Natale clienti e appassionati con un’iniziativa nuova, che fonde il mondo social con quello reale. Venticinque giorni di sconti e promozioni a sorpresa , pubblicati quotidianamente sulle pagine social della cantina per rendere lo shopping online più interattivo e conveniente. Un prodotto o una categoria di prodotti sarà protagonista per 24 ore , ovvero per il tempo di validità della promozione: sconti flash facilmente attivabili con il codice che ogni giorno verrà pubblicato sugli account ufficiali de La Montina (Instagram: la_montina Facebook: Tenute La Montina Sito: www.lamontina.com ). Come da tradizione il calendario dell’Avvento scoprirà la sua prima “casella” martedì 1° dicembre. Non è dato sapere quale sarà la sorpresa d’apertura pensata da La Montina, che però anticipa attraverso le parole del suo Export e Marketing manager, Michele Bozza “Questa

Grado si trasforma nell'Isola del Natale | Dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Grado presepi phMarioCallegari Anche per le festività di fine anno 2020 Grado (l’”Isola del Sole”), incantevole borgo del Friuli VG sospeso fra la laguna e il mare Adriatico, si trasforma nell’Isola del Natale riproponendo, tra l’altro, la tradizionale Rassegna dei presepi, che mette in mostra, dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, oltre 200 creazioni. A realizzarle, saranno non solo abili artigiani, ma anche semplici appassionati, che utilizzeranno i più diversi materiali per creare presepi di varie dimensioni, curiosi, curati e ben ambientati. Disposti en plein air lungo il Porto Mandracchio (all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località) e perfettamente ambientati, saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri), inoltre, saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e

Friuli Venezia Giulia. La Nuova Cucina - Rinviate al 26 novembre le ultime due cene-laboratorio del ciclo autunnale

 Friuli Venezia Giulia La Nuova Cucina A causa delle ultime normative anti Covid, le ultime due cene - laboratorio del calendario autunnale di Friuli Venezia Giulia - La Nuova Cucina previste per il 29 ottobre al ristorante Costantini a Collalto di Tarcento e al ristorante Paradiso a Pocenia sono state ricalendarizzate a giovedì 26 novembre . Si chiuderà allora il primo ciclo di 20 eventi di questo progetto che ha riscontrato molto interesse ed ha fatto registrare in tutti gli appuntamenti l’overbooking. Il 26 novembre Costantini ospiterà, per l’occasione, gli chef dei ristoranti Da Toni di Gradiscutta di Varmo e Tre Merli di Trieste, mentre Al Paradiso gli chef in scena saranno quelli dei ristoranti La Subida di Cormòns ed Enoteca di Buttrio, secondo l’apprezzato format di queste cene-laboratorio, che sono firmate da due chef del consorzio Friuli VG Via dei Sapori e da uno dei 20 giovani chef, nuovi “amici” in cui il gruppo crede, che sono stati invitati a collaborare al pr

DENISE FARO DAL 20 NOVEMBRE 2020 IN RADIO E DA OGGI DISPONIBILE IN PRE-SAVE “Jacuzzi”

Denise Faro Poliedrica, eclettica e “ figlia del mondo ” DENISE FARO è una cantante, autrice e attrice italiana che da anni vive a Los Angeles. Il 20 novembre entrerà in rotazione radiofonica il nuovo singolo, “ Jacuzzi ” , da oggi disponibile in pre-save.   www.denisefaro.com/jacuzzi Appassionata fin da bambina al canto, alla danza e alla recitazione, Denise ha mosso i primi passi ricoprendo alcuni ruoli sugli schermi televisivi e cinematografici fino a calcare i palchi teatrali italiani e internazionali. In seguito, dedicatasi principalmente alla musica è stata la prima e unica italiana ad entrare nel famoso tv show messicano “ La Academia ” , una competizione canora che ha visto nascere alcuni dei più grandi artisti latini. Lo show dà il via alla carriera oltreoceano di Denise che nel 2012 conquista i cuori latini, vincendo u no dei "festival della canzone ” più importanti al mondo, “ El Festival de Viña del Mar ” , rappresentando l ’ Italia con un suo brano inedi

LUCKY LUCIANA, la rapper che si è fatta conoscere per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito

Trasgressiva, irriverente ed esplosiva, LUCKY LUCIANA è una rapper decisa ad abbattere i tabù e a riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile!      L’artista si mostrerà, lunedì 16 novembre, in una veste ancora più provocatoria nel video di “ WAP ITALIAN REMIX ”, una rivisitazione della chiacchieratissima hit mondiale di Cardi B e Megan Thee Stallion. Lucky Luciana si è fatta conoscere quest’anno per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito con i brani “ Lucky Pussy Cash ” e “ A Milano ”, in cui l’artista racconta parte del suo passato difficile e i lati più controversi del capoluogo lombardo. Classe 1995, Lucky Luciana, pseudonimo di Luciana Campolongo, nasce a Castrovillari in provincia di Cosenza. Da sempre amante della scrittura, si sente finalmente libera di esprimersi solo quando incontra un linguaggio affine alla propria penna, il rap. Nei suoi testi ritroviamo infatti la sua vita, segnata da un’infanzia difficile a causa di un padre assente e di u