“Canova. Eterna bellezza” > 9 ottobre 2019 – 15 marzo 2020 > Museo di Roma – Palazzo Braschi

postato in: Uncategorized | 0
Antonio Canova Amore e Psiche Gesso, 148x68x65 cm Veneto Banca spa in L.C.A.

Dal 9 ottobre 2019 prende il via Canova. Eterna bellezza:
una mostra-evento dedicata a Canova e al suo legame con la città di
Roma che, fra Sette e Ottocento, diventò la fucina del suo genio e
inesauribile fonte di
ispirazione. Un rapporto, quello tra lo scultore e la città, che emerge
in una miriade di aspetti, unici e irripetibili.

La mostra “Canova. Eterna bellezza”  – promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale, prodotta dalla
Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e Arthemisia, e organizzata con
Zètema Progetto Cultura –  è curata da Giuseppe Pavanello e ospitata fino al 15 marzo 2020 al Museo di Roma. La mostra è realizzata in collaborazione con l’Accademia Nazionale di San Luca e con
Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno.

Incorniciate all’interno di un allestimento di grande impatto visivo, oltre 170 opere di Canova e di alcuni artisti a lui coevi animano le sale del Museo di Roma in Palazzo Braschi. L’esposizione racconterà in
13 sezioni l’arte canoviana e il contesto che lo scultore trovò giungendo nell’Urbe nel 1779.

Attraverso ricercate soluzioni illuminotecniche, lungo il percorso
espositivo sarà rievocata la calda atmosfera a lume di torcia con cui
l’artista, a fine Settecento, mostrava le proprie opere agli ospiti, di
notte, nell’atelier di via delle Colonnette.

A definire la trama del racconto, importanti prestiti provenienti, fra
l’altro, dall’Ermitage di San Pietroburgo, i Musei Vaticani, la
Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno, il Museo Civico di
Bassano del Grappa, i Musei Capitolini, il Museo Correr
di Venezia, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli,
le Accademie di Belle Arti di Bologna, di carrara e di Ravenna,
l’Accademia Nazionale di San Luca, il Musée des Augustins di Tolosa, i
Musei di Strada Nuova-Palazzo Tursi di Genova, il Museo Civico di
Asolo

www.arthemisia.it.

I commenti sono chiusi.