Venerdì 4 e sabato 5 ottobre Il Mediterraneo si incontra al Complesso di San Domenico Maggiore

postato in: Uncategorized | 0

Associazione Peripli – Culture e Società Euromediterraneee Fondazione dell’Assemblea dei Cittadini e delle Cittadine del Mediterraneo (FACM)

promuovono il convegno internazionale Patrimoni mediterranei e cittadinanza, distruzione-ricostruzione|conservazione delle memorie|partecipazione cittadina

Saranno presenti autorità e studiosi italiani e stranieri, provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo: Algeri |Il Cairo|Larissa|Marsiglia|Nablus|Nizza|Parigi| Rabat Sarajevo|Siria|Tirana| Tunisi|Valencia

Napoli 4 – 5 ottobre 2019 (ore 9.00 – 18.00), nel Complesso monumentale di San Domenico Maggiore – Sala del Capitolo(vico San Domenico Maggiore 18 – Napoli),con il patrocinio delComune di Napoli – Assessorato alla Cultura,dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo(PAM), dell’Unesco e delConsolato del Portogallo.


L’Associazione Peripli – Culture e Società Euromediterranee, in partenariato con laFondazione dell’Assemblea dei Cittadini e delle Cittadine del Mediterraneo (FACM), organizza a Napoli, venerdì 4 e sabato 5 ottobre 2019, dalle ore 9.00 alle 18.00, presso il Complesso monumentale di San Domenico Maggiore, due giornate di studio sul tema deipatrimoni, materiali e immateriali, dell’area mediterranea in rapporto alla partecipazione cittadina.

Ricercatori, conservatori, mediatori e cittadini si incontrano per ridefinire insieme il ruolo dei musei, delle biblioteche e degli istituti di cultura nel XXI secolo; per analizzare le differenti modalità della partecipazione cittadina nei vari Paesi, i dispositivi e i progetti volti a questa partecipazione, e per riconsiderare il ruolo dei cittadini, delle loro associazioni e aggregazioni spontanee nel recupero delle memorie locali e collettive.

Il Convegno, dunque, intende promuovere una riflessione critica che tracci una prospettiva per disegnare gli orientamenti e i modi della ri-costruzione del patrimonio dei diversi demani mediterranei, presupponendo che in una “società di trasmissione dei saperi” le istituzioni tradizionalmente preposte a questa missione (Scuole, Università, Biblioteche, ecc.) non sono più le sole a svolgerla, anzi spesso, per varie ragioni, vengono meno alla loro missione specifica.

Uno degli obiettivi di questa iniziativa è anche quello di aprire un ampio dibattito in sede mediterranea, promuovendo un progetto che negli anni a venire preveda incontri territoriali periodici nei vari paesi del Mediterraneo.

Il convegno cittadino – si svolge non a caso a Napoli città dalle mille contraddizioni, crocevia dell’incontro e scontro fra i popoli del Mediterraneo – si tiene in occasione deldecennale lavoro di Peripli e della Facm che operano in una fruttuosa sinergia di intenti: l’Associazione Peripli promuove il dialogo tra le culture euromediterranee mediante attività di formazione, caffè filosofici, ricerche, pubblicazioni, incontri cittadini; la FACM promuove la coscienza di una cittadinanza mediterranea attraverso incontri e attività organizzati dai suoi 28 Circoli, sparsi in tutta l’area del Mediterraneo e attraverso piattaforme periodiche di confronto assembleare dove partecipano cittadini rappresentanti dei 28 Paesi finora aderenti.

Il convegno sarà aperto dall’Assessore alla Cultura del Comune di NapoliNino Daniele. Per i saluti iniziali saranno inoltre presenti l’on.Gennaro Migliore, Juan Andrés Perellò RodriguezAmbasciatore di Spagna all’Unesco, Laurent Burin Des RoziersConsole Generale di Francia a Napoli,Maria Luisa CusatiConsole onorario del Portogallo a Napoli, Hassan BalawiPrimo Consigliere presso la Missione della Palestina a Bruxelles e Vicente Miguel Garcés Ramòn, della Fondazione Assemblea dei Cittadini e delle Cittadine del Mediterraneo (FACM).

Si susseguiranno nell’arco di due giorni tavoli di confronto, e nella sessione finale è previsto il saluto del Presidente emerito del Pam, Assemblea Parlamentare del Mediterraneo,Francesco Maria Amoruso. Sarà inoltre dato spazio alla musica con l’esibizione dell’Orchestra Multietnica Mediterraneadiretta dalMaestro Giovanni Guarrera.

Genesi e contesto dell’iniziativa

«La difesa delle specificità delle culture e del loro incontro – dichiara Maria Donzelli, presidente di Peripli – si sposa dunque con la promozione di una coscienza di cittadinanza mediterranea. L’idea del convegno è nata nel novembre 2017 a Casablanca, in occasione del settimo incontro periodico della Facm. Una delle agorà proposte, coordinata dalla sottoscritta, era dedicata al tema dei patrimoni mediterranei.

Erano presenti diversi Paesi dell’area: Marocco, Algeria, Tunisia, Siria, Palestina, Israele, Cipro, Grecia, Spagna, Italia. La discussione fu intensa e in alcuni momenti drammatica a causa delle situazioni sociali, economiche e politiche, a causa dei conflitti e delle guerre, a causa del terrorismo e delle calamità naturali che hanno distrutto e continuano a distruggere i patrimoni materiali e immateriali dei Paesi del Mediterraneo.

In quell’agorà tutti i rappresentanti dei vari Paesi hanno espressol’esigenza di approfondire le conseguenze drammatiche di tali situazioni che minano concretamente le radici culturali dei Paesi del Mediterraneo e la coesione sociale, identitaria, interculturale dei loro popoli».

L’iniziativa èpromossadall’Associazione “Peripli” – Culture e Società Euromediterranee e dallaFondazione dell’Assemblea dei Cittadini e delle Cittadine del Mediterraneo(FACM), con l’adesione dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo(PAM), dell’UNESCO e del Consolato del Portogallo.

È stata realizzata con il sostegno dellaFACMe con la collaborazione di alcuni componenti del suo Consiglio Consultativo, di alcuni circoli della FACM e da cittadini che operano nelle città di Napoli, Nablus, Algeri, Il Cairo, Rabat, Valencia, Marsiglia, Nizza, Larissa, Parigi, Sarajevo, nel territorio della Siria, Tirana, Tunisi.

Ha il sostegno del Museo Cappella Sansevero, del Vicario per la Cultura della Diocesi di Napoli, del Dipartimento di Studi Letterari, Linguistici e Comparati dell’Università L’Orientale”, dell’Institute Francais Napoli, di AVEC, dell’Antica Pasticceria Giovanni Scaturchio.

Inoltre si avvale della partecipazionedelle seguenti istituzioni napoletane: Comune di Agerola, Museo Archeologico Nazionale (MANN), Biblioteca Nazionale di Napoli, Biblioteca Universitaria di Napoli, Biblioteca dell’Università L’Orientale, Associazione Italiana Biblioteche, Associazione italiana esperti scientifici beni culturali (AIES), Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, L’Istituto per gli Studi Storici, Museo del Tesoro di San Gennaro – Museo Civico Filangieri, Fondazione Mondragone – Museo del tessile, Museo del Corallo di Napoli, Osservatorio per la Dieta Mediterranea, Associazione italiana Amici del Presepe, Museo del Mare di Napoli, FAI (Fondo Ambientale Italiano) di Napoli, Associazione Enterprising Girls, Associazione Progetto Museo ‘Accogliere ad arte’, Associazione “ètant donnès” , Associazione Italiana Amici del Presepe (AIAP), Associazione “Lo Cunto”, Associazione MUNI onlus, SIRO’S Band, e della presenza di studiosi delle Università del Cairo, di Palermo, di Firenze, di Napoli, dell’Ufficio Scolastico dell’Ambasciata d’Italia a Tirana in Albania e della partecipazionedell’Orchestra Multietnica Mediterranea.

I commenti sono chiusi.