Passa ai contenuti principali

Constanza Macras a Bologna in esclusiva italiana con Hillbrowfication

Hillbrowfication MacrasEstaras (c) John Hogg
Teatro Arena del Sole,

via Indipendenza, 44 – Bologna

4 e 5 dicembre 2019 - Sala Leo de Berardinis

mercoledì e giovedì, ore 21.00


Hillbrowfication

a part of SPACE TALES, future cities


regia Constanza Macras

coreografia Constanza Macras e Lisi Estarás

drammaturgia Tamara Saphir


di e con Miki Shoji, Emil Bordás, John Sithole, Zibusiso Dube, Bigboy Ndlovu, Nompilo Hadebe, Rendani Dlamini, Karabo Kgatle, Tshepang Lembelo, Brandon Magengelele, Jackson Mogotlane, Bongani Mangena, Tisetso Masilo, Vusimuzi Magoro, Amahle Mene, Sandile Mtembo, Thato Ndlovu, Simiso Msimango, Blessing Opoku, Pearl Segwagwa, Ukho Somadlaka, Lwandle Lwandile Thabede


produzione Constanza Macras | Dorkypark

in coproduzione con Outreach Foundation, Hillbrow Theatre Project e Maxim Gorki Theater Berlin

con il supporto di Goethe-Institut

e il finanziamento di TURN Fonds of the Kulturstiftung des Bundes


spettacolo presentato in Italia con il Patrocino del Goethe Institut Mailand


spettacolo in inglese sovratitolato in italiano


durata: 70 minuti


uniche date in Italia



Constanza Macras, coreografa argentina di base a Berlino e figura tra le più importanti del panorama della danza contemporanea, sempre attenta alle tematiche attuali e sociali, presenta al Teatro Arena del Sole di Bologna, per due date italiane in esclusiva, il 4 e 5 dicembre, un grande progetto performativo con bambini e giovani dai 5 ai 22 anni provenienti da una delle zone più difficili di Johannesburg. Hillbrowfication - a part of SPACE TALES, future cities porta in scena la realtà di Hillbrow, quartiere della città più popolosa del Sudafrica, dove la situazione dei migranti, la violenza e la xenofobia costituiscono aspetti durissimi e costanti della quotidianità.


Gli interpreti, coinvolti in un laboratorio all’Hillbrow Theatre Project (Outreach Foundation), hanno creato un linguaggio comune che dà voce alle loro percezioni e alle esperienze di violenza avvenute nel luogo in cui abitano. Attraverso i materiali prodotti durante questo periodo di lavoro, i partecipanti, sotto la guida di Constanza Macras, hanno immaginato la “Hillbrow del futuro”: come desiderano che si trasformi la città quando loro stessi saranno adulti, ragionando sulle utopie e le distopie della ghettizzazione e della gentrificazione, tematiche tra le più urgenti della nostra contemporaneità e che riguardano molte grandi metropoli.


Durante l’Apartheid, Hillbrow era l’area "riservata ai bianchi" ma negli anni ‘70 si è trasformata in "zona grigia", in cui persone appartenenti a etnie diverse si sono riversate per trovarsi improvvisamente a convivere. Hillbrow ha così acquisito nel tempo uno spirito cosmopolita e progressista fino a diventare uno dei primi quartieri di insediamento delle comunità omosessuali di tutto il Sudafrica. Tuttavia, in seguito a un vero e proprio esodo dei residenti appartenenti alla classe media avvenuto nel corso degli anni ‘80 e al decadimento strutturale della maggior parte degli edifici, nel decennio successivo la zona si è trasformata in una baraccopoli. Oggi infatti Hillbrow è sovrappopolato, registra una notevole presenza di migranti e le condizioni di vita per gran parte degli abitanti sfiorano la povertà, il tasso di violenza e criminalità è estremamente elevato, così come è in aumento l’intolleranza e la paura per la delinquenza dilagante.


Lo spettacolo è parte di SPACE TALES, future cities, un progetto finalizzato allo scambio di pratiche creative e interdisciplinari tra artisti sudafricani e tedeschi, con l’obiettivo di indagare i fenomeni di esclusione, migrazione e xenofobia che derivano dall’organizzazione architettonica delle città.

La globalizzazione sta producendo negli anni processi di “esclusione interna” con il conseguente isolamento di gruppi in seno alla stessa realtà cittadina, come dimostra l’ideologia razzista dell’Apartheid, che si è tradotta concretamente in una meticolosa pianificazione spaziale e urbana. Ugualmente, l’intervento sugli spazi ha costituito una strategia cruciale per tutti i movimenti post-apartheid, nel tentativo di far rinascere una tolleranza interculturale per la salvaguardia dei diritti umani. Eppure le configurazioni urbane dei fenomeni di esclusione costituiscono un’eredità che identifica il paesaggio sudafricano: basti pensare alla ghettizzazione delle comunità nere e dei migranti nelle township di periferia, il confinamento dei ricchi (in maggioranza bianchi) dovuto al timore della criminalità e la frammentazione dei luoghi in base alle diverse etnie di appartenenza.

La piattaforma SPACE TALES, future cities crea così, attraverso una serie di collaborazioni artistiche, un dialogo trasversale per proporre realmente “architetture del futuro”, cercando di arginare il fenomeno della ghettizzazione attraverso l’arte, nello specifico attraverso la finzione che lo spettacolo mette in scena; intesa come un modo per sovvertire il presente. Un progetto che tenta quindi di intervenire concretamente sulle reali dinamiche urbane costituite, ripensando la circolazione dell’arte all’interno della dimensione cittadina.


Constanza Macras

Nasce nel 1970 a Buenos Aires, in Argentina, dove studia danza e design della moda. Successivamente continua i suoi studi ad Amsterdam e New York (Merce Cunningham Studios). Nel 1995 si trasferisce a Berlino dove lavora con varie realtà come ballerina. Nel 1997 fonda la sua prima compagnia Tamagotchi Y2K, con cui dà vita a quattro lavori tra il 1998 e il 2000: Wild Switzerland (1998), Face One (1999), In Between (2000) e Dolce Vita (2000).

Dal 2001 al 2002 realizza la trilogia MIR: A Love Story e nel 2002 per il teatro Schaubühne am Lehniner Platz di Berlino cura il progetto PORNOsotros, in cui lavora insieme a Lisi Estaras (Les Ballets C. de la B., compagnia fondata da Alain Platel).

Nel 2003 crea con Carmen Mehnert la compagnia Dorkypark, un ensemble interdisciplinare che lavora con danza, scrittura, musica dal vivo e film.

Nel 2008 ha ricevuto il premio Goethe-Institut per il suo spettacolo Hell On Earth.

Nel 2010 ha vinto il premio Arts at MIT (Massachusetts Institute of Technology) William L. Abramowitz Residency e il Premio nazionale del teatro tedesco Der Faust per la migliore coreografia con Megalopolis.

Accanto alle produzioni con la sua compagnia, ha lavorato anche per il Teatro Colón a Buenos Aires, la Göteborg Opera Dance Company, il Goethe Institut São Paulo, il Goethe-Institut Cordoba (Argentina), il Saarländisches Staatstheater Ballet e con il regista Thomas Ostermeier, per lo spettacolo Ein Sommernachtsraum, che vedeva in scena la compagnia del Teatro Schaubühne insieme ai danzatori della Dorkypark.



In occasione dello spettacolo, BlaubArt Dance Webzine organizza #Danceontheroad, un servizio di bus andata e ritorno da Firenze per la replica del 5 dicembre.

Info: blaubartdancewebzine.com | prenotazioni: email info.danceontheroad@gmail.com – telefono 3400532910 (solo WhatsApp o SMS)



Mercoledì 4 dicembre – Cinema Lumière, ore 17.45

L’Arena del Sole in Cineteca

City of God

(Cidade de Deus, Brasile, Francia, USA/2002)

di Fernando Meirelles (135’)


Informazioni:

Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna

Prezzi dei biglietti Sala Leo de Berardinis: da €10 € a € 25 più prevendita

biglietteria tel. 051 2910910 - biglietteria@arenadelsole.it, bologna.emiliaromagnateatro.com


www.emiliaromagnateatro.com

Post popolari in questo blog

La Biennale di Venezia / Si conclude il 64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea

Domenica 4 ottobre si conclude il 64. Festival Internazionale di Musica Contemporanea con un concerto in omaggio a Mario Messinis grazie all’Ex Novo Ensemble, che ha raccolto brani di autori legati in vari modi al critico e organizzatore veneziano appena scomparso. Si tratta di Fabio Vacchi, Adriano Guarnieri, Claudio Ambrosini – che a Messinis hanno espressamente dedicato i loro pezzi -, Michele dall’Ongaro e Alberto Caprioli.Il concerto è un omaggio a chi, come Mario Messinis, ha animato la musica del secondo Novecento con curiosità e passione, marcandone i passaggi cruciali stando alla testa delle più importanti istituzioni musicali italiane, fra cui la stessa Biennale Musica, di cui ha firmato edizioni che sono state punto di riferimento.L’ultima giornata del Festival si focalizza poi sui giovani artisti diBiennale College e sulla musica elettronica prodotta grazie al Centro di Informatica Musicale e Multimediale della Biennale di Venezia, che ha fornito software e hardware necess…

Tempo di castagne ai masi Gallo Rosso Escursioni, ricette, prodotti, Törggelen per conoscere la spinosa regina dell’autunno

La castagna è il frutto autunnale per eccellenza: quando ci si accorge della sua presenza si prende coscienza definitivamente del fatto che l’autunno è arrivato e che ci si sta incanalando verso la fredda e lunga stagione invernale senza possibilità di tornare indietro. A questo frutto però si associano ancora momenti di cieli tersi, di belle passeggiate, di pranzi all’aperto e di gite in bicicletta, con temperature gradevoli che però non perdonano chi dimentica di coprirsi per bene.

La castagna oltre ad essere gustosa, è anche ricca di proprietà benefiche e un tempo, soprattutto per la popolazione più povera, era una risorsa molto importante che poteva sostituire il pane, saziando bocche e stomaci affamati.

Trascorrere una vacanza durante il periodo autunnale in un maso Gallo Rosso in Alto Adige offre l’opportunità di conoscere da vicino questo frutto, di raccoglierlo, di assaggiarlo, di partecipare agli eventi ad esso dedicati e di farne scorta portandolo a casa al rientro.

L’Alto Adi…

2021 | 20° stagione della Music Academy International e la 10° edizione di Mezzano Romantica

Appuntamento rinviato all’estate 2021 per la 7° edizione del Trentino Music Festival e la 10° edizione di Mezzano Romantica. Lo annunciano– vista l’attuale situazione legata al Covid 19 - l’Amministrazione Comunale di Mezzano di Primiero e la direzione della Music Academy International di New York, che dal 2014 teneva i suoi corsi estivi internazionali di perfezionamento a Mezzano e nel Primiero. In comune accordo, hanno deciso di sospendere quanto previsto per questa estate, per mantenere il respiro internazionale della manifestazione e per salvaguardare al massimo la salute di tutti, cittadini ed ospiti. “E’ stata una decisione difficile, presa insieme ai nostri partner di Mezzano, anche perché per noi significa non passare l’estate nella “nostra” valle –commenta Maddalena Deichmann, Direttore della MAI- Una grandetristezza, ma la pandemia con i rischi di contagio a livello globale, insieme alla natura internazionale del festival, hanno reso la nostra iniziativa impossibi…

Le proposte dolci sulla neve di Kufsteinerland, in Tirolo

Klumpern: ecco la novità per l’inverno di Kufsteinerland, un territorio a due passi dall’Italia (si trova in Tirolo), dove le atmosfere invernali sono in modalità slow. Il dolce paesaggio innevato, la maestosa fortezza che dall’alto della collina domina il Kufsteinerland, la catena del Kaisergebirge che sembra una cartolina: tutto è una fiaba da vivere in modo speciale. E il Klumpern fa parte delle proposte speciali per scoprire la magia di Kufstein e dei suoi otto pittoreschi paesini, che in inverno assumono le sembianze di un romantico presepe alpino. Klumpern è il tradizionale slittino “rivisitato” in chiave contemporanea: in pratica è un seggiolino montato su uno sci in modo da scendere dalle piste (da slittino) in modo divertente. Più facile da guidare della slitta, adatto a tutti, il Klumpern permette di scendere (anche) piano e godersi gli stupendi paesaggi che si incontrando scendendo dalla splendida baita Mariandlalm, a Thiersee.
Le piste per slittini si snodano su sentieri f…

ARTISSIMA Unplugged | GAM, Palazzo Madama, MAO - Torino | dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021

Artissima Internazionale d’Arte Contemporanea si propone per il 2020 in versione Unplugged. Una formula nuova, dilatata nei tempi e negli spazi, che riunisce esposizioni fisiche, realizzate con Fondazione Torino Musei, e progetti digitali: una versione acustica della fiera che focalizza la propria attenzione sullo strumento (le opere) e la voce (le gallerie).

Con il titolo Stasi Frenetica, dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021 (anteprima su invito il 5 e 6 novembre 2020), i musei della Fondazione Torino Musei – GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama - Museo Civico d’Arte Antica e MAO Museo d’Arte Orientale – ospiteranno un corpus di opere provenienti dalle gallerie di Artissima selezionate per questa edizione della fiera, offrendo uno spaccato di quello che il pubblico avrebbe trovato negli stand. Una presentazione corale sul tema Stasi Frenetica, curata da Ilaria Bonacossa in stretto dialogo con i galleristi coinvolti.

Un lavoro sinergico, nato con e per l…

PALAZZO MORANDO. “MILANO ANNI ’60”, IN MOSTRA LA STORIA DI UN DECENNIO IRRIPETIBILE DELLA VITA DELLA NOSTRA CITTÀ fino al 9 febbraio 2020

Palazzo Morando|Costume Moda Immagine ospita la mostra “Milano Anni ‘60” che ripercorre la storia di un decennio irripetibile che ha consacrato il capoluogo lombardo come una delle capitali mondiali della creatività in grado di assumere il ruolo di guida morale ed economica del Paese.
Promossa da Comune di Milano|Cultura Direzione Musei Storici e curata da Stefano Galli, la mostra è organizzata da MilanoinMostra in collaborazione con la Direzione Musei Storici del Comune di Milano e la Questura di Milano, con il patrocinio della Polizia di Stato e della Regione Lombardia. La rassegna presenta fotografie, manifesti, riviste, arredi, oggetti di design e molto altro ancora, che faranno rivivere al visitatore l’atmosfera di quell’epoca straordinaria in cui Milano, spinta dal boom economico, si trovò improvvisamente a vivere un irrefrenabile fermento culturale, caratterizzato da una forza progettuale senza precedenti e dalla voglia di lasciarsi alle spalle in maniera definiti…