Presentazione libro "Le Ragioni della Nuova Politica" mercoledì 27 novembre 2019 ore 17,30, Avvocatura Generale dello Stato

Analisi e proposte di 32 nomi della politica, delle istituzioni, dell’economia e della cultura
“Le ragioni della nuova politica - per l’Italia che vuole crescere” è un’antologia di 31 testi
che, da esperienze e punti di vista differenti, propongono analisi e proposte sui temi fondamentali
della politica, dell’economia e della cultura, nell’ottica delle trasformazioni politiche e culturali in
atto in questi delicati decenni e degli scenari nazionali e internazionali che si stanno configurando.
Il libro, ideato e voluto da Sara Iannone, presidente dell’associazione L’Alba del Terzo
Millennio, è ispirato al premio “Le Ragioni della Nuova Politica”, istituito dalla stessa associazione
nel 1996.
Le oltre duecento pagine, edite da Diabasis nella collana Montefalcone (euro 24) e curate
dalla giornalista Francesca Zema, sono firmate da 32 nomi di notevole rilievo della politica, delle
istituzioni, dell’economia e della cultura, uniti dall’essere stati insigniti del premio “Le Ragioni
della Nuova Politica” che, infatti, tende a esaltare la Politica che trascende il potere e mira al bene
comune; quella che si esercita direttamente nella sfera pubblica ma anche quella che raggiunge la
comunità attraverso le azioni compiute da ciascuno durante il proprio percorso umano e professionale.
Gli autori:
Franco Bernabè (presidente di Cellnex): Società e sviluppo tecnologico; Angelo Buscema
(presidente della Corte dei conti): La legalità è un caposaldo della democrazia; Corrado Calabrò
(presidente onorario del Consiglio di Stato): Insofferenza del vecchio, ingannevolezza del nuovo;
Giovanni Calabrò (direttore generale per la Tutela del consumatore AGCM): Consumer policy
dell’Agcm: best practice tra public e private enforcement; Antonio Catricalà (professore di Diritto
Privato): Sostenibilità e politica: un nuovo spettro si aggira per l’Europa; Corrado Clini (già
Ministro dell’Ambiente): Industria 4.0 e Italia.0; Stefano Crisci (avvocato, esperto di Intelligenza
Artificiale): L’intelligenza artificiale al servizio dell’uomo e il controllo etico dell’algoritmo; Tullio
Del Sette (Generale di Corpo d’Armata dell’Arma dei Carabinieri): L’Italia può tornare protagonista
nel contesto europeo e internazionale; Emmanuele Francesco Maria Emanuele (già presidente
Fondazione Roma): Europa: errori e speranze; Mariella Enoc (presidente dell’ospedale pediatrico
Bambino Gesù): La politica per il bene comune; Maria Bianca Farina (presidente di Poste Italiane):
Ricostruire la fiducia nelle Istituzioni; Maurizio Fioravanti (Generale di Divisione dell’Esercito
Italiano): Missione Leonte-Unifil: dal Libano la conferma del ruolo primario dell’Italia; Publio Fiori
(Generale di Divisione dell’Esercito Italiano): Una politica capace di contrapporsi al capitalismo
finanziario e all’imperialismo del mercato; Oscar Fiumara (Avvocato generale emerito
dell’Avvocatura dello Stato): La politica italiana tra Inferno e Paradiso; Angelo Gargani
(magistrato, Garante del Contribuente del Lazio): La situazione ordinamentale e sociale: le ragioni
che impongono una nuova politica; Eugenio Gaudio (Rettore Sapienza Università di Roma) e Mario
Morcellini (consigliere alla Comunicazione e portavoce del Rettore della Sapienza Università di
Roma): Le ragioni della “nuova” politica e la comunicazione contemporanea, ovvero Non
desiderare la politica d’altri; Valter Girardelli (già Capo di Stato Maggiore della Marina Militare):
Un mare insicuro è un mare più costoso; Paolo Maddalena (storico del Diritto): Distruzione del
patrimonio pubblico italiano e le responsabilità dei nostri governanti; Daniele Mancini
(ambasciatore): Quale Italia, in quale Europa, verso quale mondo; Antonio Marzano (professore di
Politica economica): Le potenzialità inespresse dell’Italia; Luigi Mazzella (vicepresidente emerito
della Corte Costituzionale): Se questo è un Paese democratico…; Paolo Nespoli (astronauta): Il ruolo
delle attività spaziali nel mondo attuale; Giuseppe Nisticò (direttore generale Fondazione EBRI Rita
Levi Montalcini Institute): Ricerca e sviluppo in Italia: attualità e prospettive in un contesto
mondiale; Ercole Pellicanò (presidente dell’Associazione nazionale per lo Studio dei problemi del
credito): Sviluppo sostenibile per una crescita condivisa; Paolo Ruffini (Prefetto del Dicastero per
la Comunicazione della Santa Sede): I cristiani contribuiscono alla riscoperta della politica come
servizio; Francesco Salvatore (professore dipartimento di Medicina Molecolare e Biotecnologie
Mediche all’Università di Napoli Federico II): Il cambiamento di paradigma tra invecchiamento e
malattie; Cesare San Mauro (professore di Diritto dell’economia delle attività produttive alla
Sapienza Università di Roma): Patrimonio pubblico e privatizzazioni: l’Italia ha bisogno di uno
“Stato regolatore”; Luca Serianni (professore emerito di Storia della lingua italiana alla Sapienza
Università di Roma): Europa e Italia: le incognite del futuro; Raffaele Tamiozzo (Avvocato dello
Stato): La sabbia nella clessidra; Luigi Tivelli (già Consigliere parlamentare della Camera dei
Deputati): L’Occidente tra populismo e dilettantismo; Giorgio Toschi (già Comandante Generale
della Guardia di Finanza): La politica strumento indispensabile per organizzare la vita pubblica.

Post popolari in questo blog

Nel 2020 il CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO ROMA celebra la sua 30ª edizione! Aperte da oggi le iscrizioni per NEXT, il contest dedicato agli emergenti

PARTE DOMANI IL SARDINA TOUR CON 6000 SIAMO UNA VOCE!

Roadshow con THE GREAT AMERICAN WEST in quattro tappe nazionali

Dal 31 gennaio al 26 aprile 2020, “Vincent Van Gogh Multimedia & Friends”, la mostra multimediale a Parma