Passa ai contenuti principali

TERME MERANO e il suo territorio

Terme Merano e territorio: è questo un legame indissolubile che da sempre contraddistingue l’offerta del complesso termale meranese. Dalla natura altoatesina provengono le materie prime che caratterizzano i trattamenti benessere, le saune, la linea cosmetica, il Bistro.
Tradizione e tipicità si completano e si fondono con il carattere innovativo di Terme Merano, sempre all’avanguardia e in continua ricerca, grazie a uno sguardo sempre orientato al futuro.
Marmo e stella alpina nel centro Spa & Vital
Direttamente dal territorio al centro Spa & Vital: è questo il percorso della maggior parte degli ingredienti che compongono i trattamenti benessere di Terme Merano. Esempi eccellenti sono l’ “oro bianco”, il pregiato marmo di Lasa e la stella alpina, entrambi provenienti dalla Val Venosta.
Impiegato nel purificante ed esfoliante Peeling al marmo di Lasa della Val Venosta, è uno dei marmi più pregiati al mondo. Estratti dalla montagna Jennwand del gruppo dell’Ortles, gli enormi blocchi di marmo vengono stipati ai piedi della montagna e poi trasportati attraverso la ferrovia marmifera di Lasa, un'affascinante rotaia a piano inclinato oggi riconosciuta come monumento industriale. Apprezzato in tutto il mondo, il marmo di Lasa è stato esportato tra gli altri a Singapore, in Arabia Saudita, in Malesia, in India, ad Abu-Dhabi, in Tennessee, a New York.
Fiore di roccia, simbolo delle Alpi e regina delle montagne, l’elegante stella alpina è una specie rara che cresce in alta quota, per questo sottoposta a tutela naturalistica. La stella alpina utilizzata a Terme Merano proviene dalle coltivazioni dell’Alta Val Venosta, oltre i 1.000 metri di quota. Quella della stella alpina è una coltura molto dispendiosa che richiede tanta pazienza: il raccolto, infatti, può avvenire solo a partire dal secondo anno. I fiori si colgono tra agosto e settembre, tagliandoli delicatamente al peduncolo con le forbici, per essere immessi subito nell’impianto di essiccazione.
La stella alpina è utile per la cura della pelle e per la prevenzione dell’invecchiamento cutaneo, riduce le rughe e i piccoli segni d’espressione, grazie all’elevato contenuto di antiossidanti. Possiede inoltre ottime proprietà nutrienti e idratanti. La pelle trattata regolarmente con prodotti a base di stella alpina risulta nutrita in profondità e appare liscia, rigenerata e completamente rivitalizzata.

Nella linea cosmetica mela, uva e olivello spinoso
I prodotti del territorio si ritrovano anche nella nuovissima linea cosmetica di Terme Merano, il cui principio attivo è assicurato proprio dall’alta qualità e dalla provenienza certa delle materie prime. Da una parte l’acqua termale che nasce nel sottosuolo dalle rocce granitiche di San Vigilio, ricca di sali minerali e oligoelementi, quali selenio, ferro, zinco, rame, magnesio, manganese.
Dall’altra parte si trovano i prodotti naturali del territorio: mela, stella alpina, uva, olivello spinoso, marmo della Val Venosta.
Da sempre presente nell’offerta meranese, la mela è un multicomplex ad alta efficacia, ricca di vitamina A, B e C, polifenoli, calcio, potassio, zinco, luteina e beta carotene, per un’idratazione profonda. L’uva, altro prodotto tipico altoatesino, è invece nota in particolar modo per le sue proprietà anti age. Tra gli ingredienti nuovi, rispetto alla tradizione delle Terme, si trova invece l’olivello spinoso, una pianta spontanea ricca di vitamina C e di preziosi componenti che contribuiscono al miglioramento del tono e dell’elasticità della pelle.
Erbe e fieno nelle saune
Anche gli ambienti dell’area saune sono ispirati ai prodotti del territorio. È il caso della Sauna al fieno biologico dell’Alto Adige che fa rivivere l'atmosfera autentica delle malghe di montagna, dove si sprigiona il profumo del fieno e il calore avvolge il corpo in un rilassante abbraccio.
Il fieno è un prodotto altoatesino di lunga tradizione, utilizzato già dai contadini che, dopo un’intensa giornata di lavoro sui campi, si coricavano la sera sul mucchio d’erba appena falciata. L’effetto calmante e rilassante, benefico e rivitalizzante del fieno sull’organismo permetteva loro di risvegliarsi al mattino carichi di energia e pronti per affrontare una nuova giornata di lavoro nella campagna.
Erbe alpine e mediterranee sono invece le protagoniste del Bagno di vapore Trauttmansdorff, il cui nome indica proprio la loro provenienza: le coltivazioni sopra i Giardini di Castel Trauttmansdorff, uno dei poderi provinciali del Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale Laimburg, la casa madre dei Giardini. La miscela mediterranea, composta da melissa, menta, rosmarino, timo, lavanda, issopo e da fiori aggiunti, ha una piacevole delicatezza e un effetto rilassante e benefico; mentre la miscela alpina libera intensivi oli eterici: pino mugo, pino cembro, abete e ginepro hanno un effetto positivo sulle vie respiratorie, la menta aggiunta introduce una nota di freschezza mentre i fiori armonizzano la combinazione dei singoli componenti.

I vini del territorio nel Bistro
Meta finale per eccellenza di molti prodotti tipici altoatesini è il Bistro di Terme Merano. Un ambiente luminoso e giovanile che mette a disposizione piatti genuini e che non appesantiscono, per una pausa ideale tra un bagno in piscina e un trattamento benessere. Sono davvero numerose le materie prime locali che varcano la cucina per essere trasformate in ricette succulente dallo chef, prese dalla tradizione mediterranea, altoatesina e internazionale.
Senza dimenticare naturalmente gli ottimi vini del territorio da degustare anche al Bistro. Pur essendo una regione vinicola piccola per superficie, l'Alto Adige si distingue per l'eccellenza e la varietà della sua produzione che si compone di ben 20 vitigni diversi. Dal Pinot grigio e Gewürztraminer, al Pinot bianco e Chardonnay tra i vini bianchi; dal Lagrein e Schiava al  Pinot nero e Cabernet sauvignon tra i vini rossi.
Nel Bagno di Sissi la storia di Merano
Alcuni prodotti utilizzati a Terme Merano non solo provengono dal territorio, ma sono anche un richiamo alla sua storia e cultura. È il caso del siero di latte che nel centro Spa & Vital diventa il famoso Bagno di Sissi.
Bella, elegante e determinata, l’imperatrice Elisabetta d’Austria arrivò per la prima volta a Merano nel 1870. Qui trascorse tutto l’inverno, a Trauttmansdorff con le figlie, e contribuì a conferire a Merano la sua fama straordinaria di stazione climatica. Sissi amava la natura che le ricordava l’infanzia bavarese e la riportava alla spensieratezza di quei tempi. Motivata sicuramente anche dalla sua ossessione per la forma fisica e la bellezza, si allietava nel fare lunghe passeggiate con la sua dama di corte, ancora oggi la Passeggiata di Sissi ne è un omaggio.
Di lei si raccontano di bagni, maschere e impacchi a cui si sottoponeva per preservare una pelle giovane e una linea invidiabile, in particolare a base di latte. Da qui il Bagno di Sissi del centro Spa & Vital di Terme Merano, a base di siero di latte biologico, per una pelle morbida e vellutata, profumata e fresca.

Info: Terme Merano, www.termemerano.it, tel. 0473.252000.

Post popolari in questo blog

Natale 2020 a Bressanone: alla riscoperta di antichi usi e costumi

Durante il periodo natalizio a Bressanone si vive un'atmosfera molto speciale. La prima neve sulle cime circostanti scintilla fino a valle e invita ad affrontare le prime discese sulle piste perfettamente curate. Sia che si tratti di persone attive, di amanti del gusto o appassionati di cultura, Bressanone offre un mix ideale per tutti . Anche se i festeggiamenti per i 30 anni del più antico mercatino di Natale d’Italia sono rimandati a prossimo anno, a Bressanone anche quest’anno ci si può comunque lasciare incantare dall'atmosfera natalizia e godersi la cucina regionale in un ambiente magico. Stiamo riscoprendo un tempo diverso che ci fa rispolverare antiche tradizioni. Se le tradizionali sfilate dei Krampus e di San Nicola e il mercatino non possono essere svolti per motivi di sicurezza, ci sono altri usi e costumi da far rifiorire e antiche tradizioni che non mancheranno. Quest’anno, infatti è confermato il calendario dell’Avvento alla facciata di un edificio

Il calendario dell'Avvento firmato La Montina

Franciacorta La Montina Natale 2020   La Montina , storica cantina di Monticelli Brusati in Franciacorta, quest’anno accompagnerà al Natale clienti e appassionati con un’iniziativa nuova, che fonde il mondo social con quello reale. Venticinque giorni di sconti e promozioni a sorpresa , pubblicati quotidianamente sulle pagine social della cantina per rendere lo shopping online più interattivo e conveniente. Un prodotto o una categoria di prodotti sarà protagonista per 24 ore , ovvero per il tempo di validità della promozione: sconti flash facilmente attivabili con il codice che ogni giorno verrà pubblicato sugli account ufficiali de La Montina (Instagram: la_montina Facebook: Tenute La Montina Sito: www.lamontina.com ). Come da tradizione il calendario dell’Avvento scoprirà la sua prima “casella” martedì 1° dicembre. Non è dato sapere quale sarà la sorpresa d’apertura pensata da La Montina, che però anticipa attraverso le parole del suo Export e Marketing manager, Michele Bozza “Questa

Grado si trasforma nell'Isola del Natale | Dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Grado presepi phMarioCallegari Anche per le festività di fine anno 2020 Grado (l’”Isola del Sole”), incantevole borgo del Friuli VG sospeso fra la laguna e il mare Adriatico, si trasforma nell’Isola del Natale riproponendo, tra l’altro, la tradizionale Rassegna dei presepi, che mette in mostra, dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, oltre 200 creazioni. A realizzarle, saranno non solo abili artigiani, ma anche semplici appassionati, che utilizzeranno i più diversi materiali per creare presepi di varie dimensioni, curiosi, curati e ben ambientati. Disposti en plein air lungo il Porto Mandracchio (all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località) e perfettamente ambientati, saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri), inoltre, saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e

DENISE FARO DAL 20 NOVEMBRE 2020 IN RADIO E DA OGGI DISPONIBILE IN PRE-SAVE “Jacuzzi”

Denise Faro Poliedrica, eclettica e “ figlia del mondo ” DENISE FARO è una cantante, autrice e attrice italiana che da anni vive a Los Angeles. Il 20 novembre entrerà in rotazione radiofonica il nuovo singolo, “ Jacuzzi ” , da oggi disponibile in pre-save.   www.denisefaro.com/jacuzzi Appassionata fin da bambina al canto, alla danza e alla recitazione, Denise ha mosso i primi passi ricoprendo alcuni ruoli sugli schermi televisivi e cinematografici fino a calcare i palchi teatrali italiani e internazionali. In seguito, dedicatasi principalmente alla musica è stata la prima e unica italiana ad entrare nel famoso tv show messicano “ La Academia ” , una competizione canora che ha visto nascere alcuni dei più grandi artisti latini. Lo show dà il via alla carriera oltreoceano di Denise che nel 2012 conquista i cuori latini, vincendo u no dei "festival della canzone ” più importanti al mondo, “ El Festival de Viña del Mar ” , rappresentando l ’ Italia con un suo brano inedi

Friuli Venezia Giulia. La Nuova Cucina - Rinviate al 26 novembre le ultime due cene-laboratorio del ciclo autunnale

 Friuli Venezia Giulia La Nuova Cucina A causa delle ultime normative anti Covid, le ultime due cene - laboratorio del calendario autunnale di Friuli Venezia Giulia - La Nuova Cucina previste per il 29 ottobre al ristorante Costantini a Collalto di Tarcento e al ristorante Paradiso a Pocenia sono state ricalendarizzate a giovedì 26 novembre . Si chiuderà allora il primo ciclo di 20 eventi di questo progetto che ha riscontrato molto interesse ed ha fatto registrare in tutti gli appuntamenti l’overbooking. Il 26 novembre Costantini ospiterà, per l’occasione, gli chef dei ristoranti Da Toni di Gradiscutta di Varmo e Tre Merli di Trieste, mentre Al Paradiso gli chef in scena saranno quelli dei ristoranti La Subida di Cormòns ed Enoteca di Buttrio, secondo l’apprezzato format di queste cene-laboratorio, che sono firmate da due chef del consorzio Friuli VG Via dei Sapori e da uno dei 20 giovani chef, nuovi “amici” in cui il gruppo crede, che sono stati invitati a collaborare al pr

LUCKY LUCIANA, la rapper che si è fatta conoscere per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito

Trasgressiva, irriverente ed esplosiva, LUCKY LUCIANA è una rapper decisa ad abbattere i tabù e a riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile!      L’artista si mostrerà, lunedì 16 novembre, in una veste ancora più provocatoria nel video di “ WAP ITALIAN REMIX ”, una rivisitazione della chiacchieratissima hit mondiale di Cardi B e Megan Thee Stallion. Lucky Luciana si è fatta conoscere quest’anno per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito con i brani “ Lucky Pussy Cash ” e “ A Milano ”, in cui l’artista racconta parte del suo passato difficile e i lati più controversi del capoluogo lombardo. Classe 1995, Lucky Luciana, pseudonimo di Luciana Campolongo, nasce a Castrovillari in provincia di Cosenza. Da sempre amante della scrittura, si sente finalmente libera di esprimersi solo quando incontra un linguaggio affine alla propria penna, il rap. Nei suoi testi ritroviamo infatti la sua vita, segnata da un’infanzia difficile a causa di un padre assente e di u