Passa ai contenuti principali

Antibes Juan-les-Pins al naturale | Costa Azzurra

CAP, Sentier de Tirepoil-002 (Direction de la communication - Ville d'Antibes Juan-les-Pins)
Il contesto paesaggistico in cui è situata la città, con i suoi 23 km di costa, il sentiero costiero e le aree naturalistiche sono i punti forti e fanno della nostra destinazione una terra d’elezione, un vero e proprio paradiso terrestre.
L’agricoltura di Antibes si è concentrata per vari secoli sull’olivo, la vite, il grano, le primizie e gli alberi da frutta. L’esperimento lanciato all’inizio del XX secolo di introdurre la coltivazione dei garofani e delle rose sui terreni di Antibes ebbe un gran successo. L’azienda agricola più famosa all’epoca era quella di Vilmorin-Andrieux a Cap d’Antibes, ma anche la Maison Meilland, creatore di rose da più di cento anni. Oggi, pur avendo trasferito l’azienda nel Var, i suoi successori conservano ancora 2 ettari al Cap ed alcune serre per la creazione di nuove rose. Dopo la guerra, Antibes contava più di mille orticoltori che si occupavano esclusivamente di coltivazione sotto serra. Era il centro agricolo più importante della Costa Azzurra in quel periodo. « I fiori di Antibes partono a migliaia ogni giorno, per ogni dove »


Giardini emblematici !

Ad Antibes Juan-les-Pins è possibile visitare numerosi parchi e giardini pubblici, alcuni fra i quali testimoniano l’entusiasmo dei ricchi proprietari arrivati verso la fine del XIX secolo. Il più emblematico di questi giardini è probabilmente quello della villa Eilenroc, il cui parco di 11 ettari domina Cap d’Antibes. Questo giardino dalla vegetazione lussureggiante offre un panorama eccezionale sulla baia dei miliardari. E’ disseminato di specie tradizionali del paesaggio mediterraneo (pini marittimi o domestici, pini d’Aleppo o delle Canarie, cipressi, lecci, ulivi, corbezzoli, lavanda, timo, rosmarino, eucalipto, ficus…) ai quali si aggiungono 3 km di siepi di pittosporum; una parte del parco è stata ricostruita con gli elementi trovati tradizionalmente nei terreni agricoli della regione di Antibes negli anni ’20.

Il roseto

Su un terreno di circa 1650mq, l’orto ed il giardinetto di piante aromatiche e di fiori permettevano, in origine, alla donna di casa che se ne occupava, di arricchire il quotidiano della famiglia. Il comune di Antibes, con l’intento di far rivivere la tradizione ed il savoir-faire cha ha fatto per anni della città « la capitale della rosa » ha voluto trasformare questo giardino con una collezione di 800 varietà di rose. Le 1760 piante necessarie sono state gentilmente offerte alla città da due famosi coltivatori di rose di Antibes, Meilland e Fazari. Sono state piantate alcune varietà prestigiose : Catherine Deneuve, Philippe Noiret, Marcel Pagnol, Christophe Colomb, Princesse de Monaco (Ets Meilland) e Brazzero, Eve, Ivoirine, Majestic, Pramila (Ets Fazari).
Impasse Beaumont, 06160 Cap d’Antibes – Tél : +33 (0)4 93 67 74 33
Alcuni orticoltori, come Les Roses d’Antibes, propongono ancora oggi una vendita diretta.

Mille e un modo di scoprire il Cap d’Antibes…

Salite fino all’altopiano della Garoupe a piedi o in bicicletta e godetevi il panorama eccezionale sul Mediterraneo e sulle Alpi Meridionali. Vero e proprio polmone verde di Antibes, questa è anche l’occasione per fermarsi alla Cappella della Garoupe recentemente restaurata che ospita una notevole collezione di ex-voto. A pochi passi, una nicchia dedicata a Notre-Dame-des-Amoureux, realizzata nel 1992 da Raymond Peynet. E’ tradizione che dopo la cerimonia gli sposi si rechino a renderle omaggio per benedire la propria unione.

Ed è anche l’occasione per fare una passeggiata nel bosco della Garoupe, 9 ettari di parco naturale, un bosco insolito perchè ospita numerose specie rare come la timelea tricocca, che qui chiamano anche garoupe. Da qualche anno è stato avviato un programma di restauro e salvaguardia del patrimonio storico e naturale di questo parco per valorizzare questo spazio naturale unico a forte vocazione turistica.

Gli amanti dell’escursionismo potranno scoprire il sentiero « des douaniers » che propone una passeggiata eccezionale di 3,7 km intorno al Cap d’Antibes, pullulante di profumi mediterranei lungo tutto il percorso.

L’Espace Mer et Littoral
Situato su un promontorio roccioso, all’estremità meridionale del Cap d’Antibes, questo sito naturalistico mediterraneo si estende su 2,2 ettari di cui 400 metri di costa. Una meravigliosa opportunità per godersi la natura ed il mare.

La sosta obbligata al Giardino Thuret !

Nel 1857 Gustave Thuret scopre il Cap d’Antibes meraviglioso e selvaggio. Compra cinque ettari, vi fa costuire una villa e comincia la realizzazione di un favoloso parco, uno dei primi giardini di acclimatazione della Costa Azzurra. Offerta allo stato dai suoi successori, la proprietà è oggi gestita dall’INRA (Istituto Nazionale della Ricerca Agronomica).

La sua eccezionale collezione di alberi ed arbusti esotici da clima mediterraneo ed il suo enorme potenziale vegetale servono alla pedagogia ed alla diversificazione delle specie ornamentali coltivabili sul litorale mediterraneo.
90 Chemin Raymond, 06160 Juan-les-Pins – Tel +33 (0)4 97 21 25 00


Juan-les-Pins
Il parco Exflora
Il parco Exflora è un giardino pubblico di 5 ettari che attorno ad un grande oliveto, riunisce le varie tipologie di giardino mediterraneo, dalla Roma antica fino all’esuberante Riviera del 19esimosecolo. La terrazza principale, situata all’ingresso del parco e fedele alla tradizione del Rinascimento italiano, offre ai visitatori la vista più completa sul giardino.
Accesso : gratuito – Avenue de Cannes, 06160 Juan-les-Pins

A pochi passi dalla città…

Anche il sito del Fort Carré con i suoi 4 ettari offre delle belle sorprese con l’unica specie di palma europea, Chamaerops humilis che cresce spontaneamente e che gli conferisce il suo aspetto verdeggiante…Si può anche notare la presenza di ulivi, carrubi, lentischi, della « yeuserai » (bosco di querce verdi) e bagolari. E ci sono anche i fiori a colorare questo spazio fuori dal comune : porracci, centauree, malva di bosco, convolvoli ed altre campanule…

Il parco Vaugrenier
Vaugrenier è un sito naturalistico protetto la cui vocazione è quella di accogliere il pubblico salvaguardando l’ambiente. Questo parco naturale si estende su 100 ettari ed ospita uno stagno naturale d’acqua dolce unico nella regione delle Alpi Marittime. I suoi 21 ettari di prato inframezzato da ruscelli circondati di alberi (olmi, frassini, pioppi, salici, aceri e gelsi) ed i suoi 72 ettari di querce da sughero, di querce verdi, bianche e di pini, per non parlare della vita animale molto intensa (volpi, conigli selvatici, scoiattoli, ricci, pipistrelli, rane…) ne fanno un luogo d’eccezione. Alcuni scavi archeologici hanno portato alla luce le vestigia del villaggio Giulio-Claudiano di Vaugrenier e di un tempio dedicato a Mercurio.

Siti protetti !

Il sito « Baia e Cap d’Antibes – isole di Lérins », che comprende le scogliere di Cap d’Antibes, il bosco della Garoupe ed il sito naturalistico del Fort Carré ha ottenuto nel 2013 la classificazione Natura 2000.

Gli eventi « verdi »

Floralies d’Antibes
Per celebrare l’arrivo della primavera, il risveglio della natura ed il ritorno delle belle giornate, Antibes Juan-les-Pins organizza una nuova manifestazione interamente dedicata al fiore e al giardino (la prima edizione si è svolta nel maggio del 2016), prossimo appuntamento 17-26 maggio 2019 !
Contatto : Comune di Antibes, tel. +33 (0)4 92 90 50 00 / www.antibes-lespins.com
Le giornate Exflora « Journées Exflora » (al parco Exflora di Juan-les-Pins) si svolgeranno d’ora in poi nell’ambito delle Floralies, in parallelo e negli stessi giorni.
www.france.fr

Post popolari in questo blog

Natale 2020 a Bressanone: alla riscoperta di antichi usi e costumi

Durante il periodo natalizio a Bressanone si vive un'atmosfera molto speciale. La prima neve sulle cime circostanti scintilla fino a valle e invita ad affrontare le prime discese sulle piste perfettamente curate. Sia che si tratti di persone attive, di amanti del gusto o appassionati di cultura, Bressanone offre un mix ideale per tutti . Anche se i festeggiamenti per i 30 anni del più antico mercatino di Natale d’Italia sono rimandati a prossimo anno, a Bressanone anche quest’anno ci si può comunque lasciare incantare dall'atmosfera natalizia e godersi la cucina regionale in un ambiente magico. Stiamo riscoprendo un tempo diverso che ci fa rispolverare antiche tradizioni. Se le tradizionali sfilate dei Krampus e di San Nicola e il mercatino non possono essere svolti per motivi di sicurezza, ci sono altri usi e costumi da far rifiorire e antiche tradizioni che non mancheranno. Quest’anno, infatti è confermato il calendario dell’Avvento alla facciata di un edificio

Il calendario dell'Avvento firmato La Montina

Franciacorta La Montina Natale 2020   La Montina , storica cantina di Monticelli Brusati in Franciacorta, quest’anno accompagnerà al Natale clienti e appassionati con un’iniziativa nuova, che fonde il mondo social con quello reale. Venticinque giorni di sconti e promozioni a sorpresa , pubblicati quotidianamente sulle pagine social della cantina per rendere lo shopping online più interattivo e conveniente. Un prodotto o una categoria di prodotti sarà protagonista per 24 ore , ovvero per il tempo di validità della promozione: sconti flash facilmente attivabili con il codice che ogni giorno verrà pubblicato sugli account ufficiali de La Montina (Instagram: la_montina Facebook: Tenute La Montina Sito: www.lamontina.com ). Come da tradizione il calendario dell’Avvento scoprirà la sua prima “casella” martedì 1° dicembre. Non è dato sapere quale sarà la sorpresa d’apertura pensata da La Montina, che però anticipa attraverso le parole del suo Export e Marketing manager, Michele Bozza “Questa

Grado si trasforma nell'Isola del Natale | Dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Grado presepi phMarioCallegari Anche per le festività di fine anno 2020 Grado (l’”Isola del Sole”), incantevole borgo del Friuli VG sospeso fra la laguna e il mare Adriatico, si trasforma nell’Isola del Natale riproponendo, tra l’altro, la tradizionale Rassegna dei presepi, che mette in mostra, dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, oltre 200 creazioni. A realizzarle, saranno non solo abili artigiani, ma anche semplici appassionati, che utilizzeranno i più diversi materiali per creare presepi di varie dimensioni, curiosi, curati e ben ambientati. Disposti en plein air lungo il Porto Mandracchio (all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località) e perfettamente ambientati, saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri), inoltre, saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e

DENISE FARO DAL 20 NOVEMBRE 2020 IN RADIO E DA OGGI DISPONIBILE IN PRE-SAVE “Jacuzzi”

Denise Faro Poliedrica, eclettica e “ figlia del mondo ” DENISE FARO è una cantante, autrice e attrice italiana che da anni vive a Los Angeles. Il 20 novembre entrerà in rotazione radiofonica il nuovo singolo, “ Jacuzzi ” , da oggi disponibile in pre-save.   www.denisefaro.com/jacuzzi Appassionata fin da bambina al canto, alla danza e alla recitazione, Denise ha mosso i primi passi ricoprendo alcuni ruoli sugli schermi televisivi e cinematografici fino a calcare i palchi teatrali italiani e internazionali. In seguito, dedicatasi principalmente alla musica è stata la prima e unica italiana ad entrare nel famoso tv show messicano “ La Academia ” , una competizione canora che ha visto nascere alcuni dei più grandi artisti latini. Lo show dà il via alla carriera oltreoceano di Denise che nel 2012 conquista i cuori latini, vincendo u no dei "festival della canzone ” più importanti al mondo, “ El Festival de Viña del Mar ” , rappresentando l ’ Italia con un suo brano inedi

Friuli Venezia Giulia. La Nuova Cucina - Rinviate al 26 novembre le ultime due cene-laboratorio del ciclo autunnale

 Friuli Venezia Giulia La Nuova Cucina A causa delle ultime normative anti Covid, le ultime due cene - laboratorio del calendario autunnale di Friuli Venezia Giulia - La Nuova Cucina previste per il 29 ottobre al ristorante Costantini a Collalto di Tarcento e al ristorante Paradiso a Pocenia sono state ricalendarizzate a giovedì 26 novembre . Si chiuderà allora il primo ciclo di 20 eventi di questo progetto che ha riscontrato molto interesse ed ha fatto registrare in tutti gli appuntamenti l’overbooking. Il 26 novembre Costantini ospiterà, per l’occasione, gli chef dei ristoranti Da Toni di Gradiscutta di Varmo e Tre Merli di Trieste, mentre Al Paradiso gli chef in scena saranno quelli dei ristoranti La Subida di Cormòns ed Enoteca di Buttrio, secondo l’apprezzato format di queste cene-laboratorio, che sono firmate da due chef del consorzio Friuli VG Via dei Sapori e da uno dei 20 giovani chef, nuovi “amici” in cui il gruppo crede, che sono stati invitati a collaborare al pr

LUCKY LUCIANA, la rapper che si è fatta conoscere per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito

Trasgressiva, irriverente ed esplosiva, LUCKY LUCIANA è una rapper decisa ad abbattere i tabù e a riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile!      L’artista si mostrerà, lunedì 16 novembre, in una veste ancora più provocatoria nel video di “ WAP ITALIAN REMIX ”, una rivisitazione della chiacchieratissima hit mondiale di Cardi B e Megan Thee Stallion. Lucky Luciana si è fatta conoscere quest’anno per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito con i brani “ Lucky Pussy Cash ” e “ A Milano ”, in cui l’artista racconta parte del suo passato difficile e i lati più controversi del capoluogo lombardo. Classe 1995, Lucky Luciana, pseudonimo di Luciana Campolongo, nasce a Castrovillari in provincia di Cosenza. Da sempre amante della scrittura, si sente finalmente libera di esprimersi solo quando incontra un linguaggio affine alla propria penna, il rap. Nei suoi testi ritroviamo infatti la sua vita, segnata da un’infanzia difficile a causa di un padre assente e di u