Roma, "LOGGIA ALDOBRANDINI" - installazione di ROBOCOOP - Giardini di Villa Aldobrandini - 5 settembre – 4 ottobre 2020


Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali in collaborazione con il duo artistico ROBOCOOP, Loggia Aldobrandini è il titolo dell’installazione site specific ideata e realizzata dai due artisti e ospitata nel giardino superiore di Villa Aldobrandini. Media partner dell’evento è Dude Mag.

Partendo da una ricerca sulla cinquecentesca Villa Aldobrandini, sulle trasformazioni architettoniche che nel tempo ne hanno mutato l’aspetto e il rapporto con l’attuale contesto urbano e ambientale, il duo ROBOCOOP, attraverso questa installazione di arte urbana, rivisita le fonti storiche proponendo un doppio piano di lettura, sospeso tra evocazioni rinascimentali e barocche e contaminazioni con il patrimonio architettonico otto-novecentesco del Rione Monti.

ROBOCOOP interviene nei giardini della Villa sul Padiglione Nord Ovest– struttura sorta nell’Ottocento durante la costruzione di Via Nazionale – applicando manifesti da affissione sulle tamponature in legno poste a protezione dell’edificio.

I poster, elaborati con tecnologie digitali, suggeriscono spazi prospettici illusori, ispirati all’architettura del Rinascimento e al quadraturismo romano barocco. Si crea così uno scenario fittizio i cui accesi cromatismi sono citazioni da esempi architettonici moderni, come il blu lapis ispirato a un edificio costruito interamente in acciaio nella vicina Via Firenze durante gli anni ’80.

 

In questa ambientazione immaginaria è inserito l’elemento “umano”: Bacco e Arianna, le due figure mitologiche estrapolate dall’omonimo e bellissimo dipinto di Tiziano, ora alla National Gallery di Londra, ma un tempo tra le opere più importanti della collezione Aldobrandini. Sorta di “apparato effimero” rivisitato, questa installazione – totalmente ecosostenibile e reversibile per l’impiego esclusivo di carta facilmente asportabile – ci offre una chiave di lettura in termini contemporanei dell’attuale paesaggio architettonico e urbano, delle sue trasformazioni e della sua storia attraverso un approccio creativo riflessivo, provocatorio e comparativo con il passato.

 

ROBOCOOP – nato dalla collaborazione tra due architetti fautori dell’omonimo progetto – indirizza da tempo la propria ricerca creativa sull’arte urbana e sulla Poster Art intesa in stretta relazione con il paesaggio/contesto urbano e le sue matrici culturali e storiche. Tra i diversi interventi, il murales temporaneo all’UNICAL-Università della Calabria (2015) realizzato durante la residenza artistica BoCs Art promossa dal Comune di Cosenza; la partecipazione alla collettiva “Little Italy” per Unfolding Pavilion realizzata a Venezia nell’ambito delle manifestazioni parallele per la XVI Biennale di Architettura (2018), e alla collettiva The Architectura Eloquentia a Palazzo Cavallerini-Lazzaroni di Roma (2019).

INFORMAZIONI

Villa Aldobrandini, via Mazzarino, 11

5 settembre - 4 ottobre 2020

Orari in conformità a quelli di apertura della Villa: dall’alba al tramonto

Ingresso gratuito

Promossa da: Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Post popolari in questo blog

L’attrice Claudia Conte torna sul set con un nuovo progetto cinematografico che la vede ricoprire il ruolo di una mendicante.

Nel 2020 il CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO ROMA celebra la sua 30ª edizione! Aperte da oggi le iscrizioni per NEXT, il contest dedicato agli emergenti

Verdi Off, al via la V edizione | Parma, Busseto e dintorni | 11 settembre-10 ottobre 2020