LA STAGIONE DEI BORGHI – Piccole Eccellenze del turismo di Prossimità

postato in: Uncategorized | 0

Pizzighettone visione del borgo di Gera LIB GIUSEPPE BRAGALINI(CONCORSO)

Si è conclusa un’estate che ha portato alla riscoperta di un’Italia meno nota
e dei suoi tanti tesori nascosti, in cui i borghi – autentiche
eccellenze del territorio che si distinguono per la loro dimensione
umana, il calore e l’accoglienza – hanno registrato risultati
formidabili in termini di flussi turistici.

 

L’indagine
del Centro Studi del Touring Club Italiano conferma un bilancio
positivo per le località minori dell’entroterra, scelte quest’estate dal
7% degli intervistati rispetto all’1% dello scorso anno. Circa il
70% dei borghi certificati con la Bandiera Arancione dichiara, inoltre,
di aver registrato flussi turistici superiori (55%) o in linea con lo
scorso anno (12%)
. Un risultato eccezionale, soprattutto in questa
estate, caratterizzata dall’incertezza e dalla crisi generale del
turismo italiano e mondiale.

 

La valorizzazione dei borghi e delle mete dell’entroterra è tra i principali obiettivi del Touring Club Italiano che trova, nella situazione contingente, una spinta per rilanciare un approccio al viaggio attento e consapevole.

 

Per questo l’associazione
non profit, che da 126 anni si prende cura dell’Italia come bene
comune, oggi rinnova questo impegno e inaugura la “Stagione dei Borghi”,
per mantenere accesi i riflettori su quei centri già apprezzati
nella stagione estiva, affinché, proprio ora rivelino tutto il loro
splendore.

 

Il lancio della campagna di promozione digitale invita a scoprire il fascino dei borghi Bandiera Arancione anche nelle giornate più fresche e più corte, ma ricche di sapori, tradizioni e una natura dai colori unici.

Il sito benvenuto.bandierearancioni.it,
che si tingerà di colori prima autunnali e poi invernali, offre
infatti, suggerimenti di passeggiate, per godere ad esempio lo spettacolo del foliage nei dintorni di Santo Stefano d’Aveto in provincia di Genova o a Civitella Alfedena nel Parco Nazionale d’Abruzzo. Si troveranno inoltre consigli per gustare prodotti tipici di stagione come il tartufo bianco di Moncalvo, nell’astigiano, il fasulin dell’öc in modalità ”drive-in” a Pizzighettone nel cremonese, o assistere alla raccolta dello zafferano di montagna a Rocca Pietore, tra le Dolomiti bellunesi…

Tutte esperienze uniche, per vivere la bellezza in totale sicurezza.

 

Si inaugura così una nuova stagione del turismo lento, all’insegna dell’accoglienza e dell’autenticità che i borghi Bandiera Arancione sanno offrire.

 

Per scoprire come organizzare al meglio un weekend in Italia, sostenendo i piccoli borghi:

benvenuto.bandierearancioni.it

Per condividere la propria esperienza:

#StagionedeiBorghi #touringclubitaliano #bandierearancioni

 

I commenti sono chiusi.