Passa ai contenuti principali

Rimane aperta la mostra "Aftermodernism. A Perspective on Contemporary Art" > Fino al 31 dicembre > Mucciaccia Contemporary, Roma

Ben Edwards Dominance 2018-2019 olio su tela oil on canvas 122.4 x 91.4 cm 48 x 36 inchesinches
Mucciaccia Contemporary presenta il secondo capitolo di un progetto espositivo a lungo termine inaugurato nel 2019 che, che attraverso bi-personali di cadenza annuale, vuole raccontare quegli artisti internazionali e di diverse generazioni accomunati dalla ricerca di una nuova visione del mondo attuale, che il celebre collezionista Hubert Neumann raggruppa sotto la sigla di Aftermodernism.

 

In questo secondo capitolo, che sarà esposto fino al 31 dicembre, gli artisti Benjamin Edwards (Iowa City, IA, USA, 1970) e Tom Sanford (Bronxville, NY, USA,1975) presentano una ventina opere create per la mostra che ci restituiscono la loro visione della società e delle città contemporanee e che riflettono la visione di Hubert Neumann che, come spiega il curatore Cesare Biasini Selvaggi, “crede che la migliore arte prodotta oggi rifletta la cacofonia, l’asimmetria e l’indeterminatezza della nostra società”.

 

Neumann racconta degli artsti: “Ho comprato le prime opere di Tom Sanford l’8/02/2004, e quelle di Ben Edwards il 10/12/1999, a cinque anni di distanza. Ho conosciuto i loro lavori in diverse gallerie che ora non esistono più. Ho sviluppato un rapporto personale con entrambi, ed è ancora così 20 anni dopo. Il nostro dialogo è rimasto costante nel tempo. […] Entrambi stanno esplorando il realismo, ma in maniera molto diversa. Entrambi hanno inventato nuovi spazi aftermodernisti, e hanno mantenuto uno sviluppo continuo, anche se irregolare e imprevedibile”.

 

Hubert Neumann, collezionista onnivoro oggi quasi novantenne ma con il piglio di un sessantenne, eredita questa passione dal padre che già nei primi del Novecento frequentava a Parigi giovani artisti ancora sconosciuti a quel tempo, come Picasso, Dubuffet, Miró, Giacometti, Gris, Braque, Léger. Proprio assieme a lui inizia ad acquistare le prime opere nella New York degli anni ’50, attratto da artisti non ancora compresi e quotati come Franz Kline o Alberto Giacometti.

Oggi vanta una collezione di oltre 2.600 opere, tra cui capolavori del Cubismo, Astrattismo europeo, Scultura d’avanguardia, Espressionismo Astratto americano, Pop art e Graffitismo, di alcuni dei più importanti artisti del XX secolo, e artisti come Picasso, Léger, Miró, Kandinsky, Kline, Giacometti, Dubuffet, Rauschenberg, Lichtenstein, Haring, Basquiat, solo per citarne alcuni.

Nella sua casa-museo nell’Upper East Side di New York sfilano e si giustappongo senza soluzione di continuità questi maestri del Novecento a dipinti e sculture di artisti contemporanei come Jeff Koons, Ashley Bickerton, Meyer Vaisman, Haim Steinbach e John Armlede, figurano anche le opere di Haluke Akakçe, Kristin Baker, Vanessa Beecroft, Michael Bevilacqua, James Busby, Sydney Chastain-Chapman, Nigel Cooke, Devon Costello, Justin Craun, Benjamin Edwards, Jeff Elrod, Manuel Esnoz, Wendell Gladstone, Ridley Howard, Chris Johanson, Karen Kilimnik, Matthew McCaslin, JP Munro, Eric Parker, Charlie Roberts, Matthew Ronay, Justin Samson, Tom Sanford, Christian Schumann, John Simon, Aya Uekawa, Xavier Veilhan e Kelli Williams.

 

Proprio nei lavori di Koons, che inizia a collezionare dai primi anni Ottanta, Neumann coglie e riscontra per la pima volta quel senso di opera aperta e non-modernista e si rende conto che sta avvenendo un mutamento nell’arte dopo Basquiat e Haring, una rottura con l’estetica modernista che si può riscontrare anche nella filosofia e negli altri linguaggi artistici.

 

Approfondendo sempre di più altri aspetti della filosofia, della matematica e della scienza del suo tempo, gli appare chiaro quanto la rottura da lui avvertita sia più profonda e con risvolti molto più dirompenti e ampi di quanto inizialmente avesse supposto” - afferma Cesare Biasini Selvaggi - “Ed è in questa fase, a mio avviso, che l’inclinazione curatoriale di Neumann si manifesta e si accompagna a quel suo proverbiale intuito nella scelta degli artisti contemporanei da collezionare ritenuti di rottura con l’estetica modernista”.

 

Tra l’ottobre 2007 e il gennaio 2008 va in scena al Chelsea Art Museum a New York una mostra collettiva co-curata da Neumann dal titolo The Incomplete, progetto espositivo che arriva anche a Parigi nel 2010 alla galleria di Jean-Luc e Takako Richard. Questo titolo The Incomplete (“Una storia incompleta”) non convince del tutto Neumann, inizia quindi ad usare il termine Aftermodernism che debutta ufficialmente nell’estate del 2013, in occasione della prima di una sua trilogia di mostre ospitate al Nassau County Museum of Art a Roslyn Harbor nello stato di New York.

 

È sempre stato questo intuito innato nel comprendere in quale direzione lo Zeitgeist, cioè lo spirito dei tempi soffiasse, a guidare gli acquisti suoi e del padre in passato” - continua Biasini Selvaggi - “Ed è lo stesso a cui Hubert Neumann si è affidato anche negli ultimi trent’anni, nella scelta degli artisti contemporanei da collezionare. In questo caso per lui lo Zeitgeist ha preso il nome di Aftermodernism”.

 

Gli artisti in mostra ci restituiscono proprio questo spirito del tempo.

La ricerca di Ben Edwards è una indagine costante della dinamica che si crea tra progresso e natura, cercando di comprendere l’equilibrio e le leggi e da qui prendono forma le sue città immaginarie dove la figura umana ha un ruolo marginale ed è relegata ad una teoria di ritratti dall’identità confusa. Attraverso la sua poetica Edwards vuole esprimere il proprio concetto di Utopia, ossia di “un’opera che ha una vita a sé e sopravvive all’artista nel senso che trascende non solo il tempo e la vita fisica dell’artista, ma anche concettualmente dal momento che viene sottoposta a una costante rinascita attraverso ciascuna nuova interpretazione”, come spiega Biasini Selvaggi in catalogo.

I dipinti di Tom Sanford nascono invece da influenze molto eterogenee che partono dal Rinascimento, passando per l’Ottocento, il Surrealismo e la Pop Art fino ad arrivare alla pubblicità e ai fumetti dei giorni nostri. Le sue opere spaziano tra nature morte e dipinti di genere: “Le sue figure umane passano in rassegna un’umanità varia, con i cattivi e le vittime, le tragedie e i trionfi del momento. Nelle sue nature morte è più interessato all’immagine che all’oggetto raffigurato” - come scrive Biasini Selvaggi - “E’ l’immagine, pertanto, che prevale sull’oggetto, perché immobile, pressoché sempre uguale a sè stessa, priva di sentimenti, forma astratta”. Sanford mescola registro alto e basso, usando uno stile pittorico essenzialmente postmoderno, mutuato dalla storia dell’arte reinterpretata secondo i codici contemporanei.

 

Attraverso le opere di Edwards e Sanford la mostra vuole far conoscere una delle figure più singolari ed eclettiche del panorama dell’arte contemporanea mondiale, quale è Hubert Neumann, portando per la prima volta in Italia l’Aftermodernism.

 

Il catalogo in mostra, a cura di Cesare Biasini Selvaggi ed edito per i tipi di Carlo Cambi editore, è il secondo di una serie dedicata agli artisti dell’Aftermodernism.

Post popolari in questo blog

Natale 2020 a Bressanone: alla riscoperta di antichi usi e costumi

Durante il periodo natalizio a Bressanone si vive un'atmosfera molto speciale. La prima neve sulle cime circostanti scintilla fino a valle e invita ad affrontare le prime discese sulle piste perfettamente curate. Sia che si tratti di persone attive, di amanti del gusto o appassionati di cultura, Bressanone offre un mix ideale per tutti . Anche se i festeggiamenti per i 30 anni del più antico mercatino di Natale d’Italia sono rimandati a prossimo anno, a Bressanone anche quest’anno ci si può comunque lasciare incantare dall'atmosfera natalizia e godersi la cucina regionale in un ambiente magico. Stiamo riscoprendo un tempo diverso che ci fa rispolverare antiche tradizioni. Se le tradizionali sfilate dei Krampus e di San Nicola e il mercatino non possono essere svolti per motivi di sicurezza, ci sono altri usi e costumi da far rifiorire e antiche tradizioni che non mancheranno. Quest’anno, infatti è confermato il calendario dell’Avvento alla facciata di un edificio

Firenze - Palazzo Strozzi | Marinella Senatore: We Rise by Lifting Others | 3 dicembre 2020-7 febbraio 2021

  portrait m senatore by LAURA SCIACOVELLI   Dal 3 dicembre 2020 al 7 febbraio 2021 Palazzo Strozzi a Firenze presenta We Rise by Lifting Others (Ci eleviamo sollevando gli altri), nuovo progetto dell’artista italiana Marinella Senatore, invitata a proporre una nuova riflessione sull’idea di comunità, vicinanza e relazione in un’epoca in cui il concetto di distanziamento sociale sta condizionando la vita quotidiana di tutte le persone. A cura di Arturo Galansino, direttore generale della Fondazione Palazzo Strozzi, il progetto è costituito da una grande installazione per il cortile, ispirata alle luminarie della tradizione popolare dell’Italia meridionale, e un programma di workshop partecipativi, incentrati sull’idea di attivazione sociale e di costruzione di comunità attraverso la pratica performativa.   Il progetto è promosso e organizzato da Fondazione Palazzo Strozzi con il sostegno di Comune di Firenze, Regione Toscana, Camera di Commercio di Firenze, Fondazione CR Firenze, Comit

Grado si trasforma nell'Isola del Natale | Dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021

Grado presepi phMarioCallegari Anche per le festività di fine anno 2020 Grado (l’”Isola del Sole”), incantevole borgo del Friuli VG sospeso fra la laguna e il mare Adriatico, si trasforma nell’Isola del Natale riproponendo, tra l’altro, la tradizionale Rassegna dei presepi, che mette in mostra, dal 4 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021, oltre 200 creazioni. A realizzarle, saranno non solo abili artigiani, ma anche semplici appassionati, che utilizzeranno i più diversi materiali per creare presepi di varie dimensioni, curiosi, curati e ben ambientati. Disposti en plein air lungo il Porto Mandracchio (all’ingresso del centro storico, dove attraccano anche le barche dei pescatori) e in ogni angolo del castrum (il cuore antico della località) e perfettamente ambientati, saranno visibili in un piacevole percorso itinerante, fra calli e campielli. Nei locali del Cinema Cristallo (in viale Dante Alighieri), inoltre, saranno ospitati i presepi preparati con i materiali più fragili e

ARTISSIMA Unplugged | GAM, Palazzo Madama, MAO - Torino | dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021

Leandro Feal, dalla serie “Ya la vida cambió”, 2018, Ultrachrome imprint / Baryta paper 310 gr, Ed. 5 + 2 A.P., Courtesy l’artista e CIBRIÁN, San Sebastián Artissima Internazionale d’Arte Contemporanea si propone per il 2020 in versione Unplugged. Una formula nuova, dilatata nei tempi e negli spazi, che riunisce esposizioni fisiche, realizzate con Fondazione Torino Musei, e progetti digitali: una versione acustica della fiera che focalizza la propria attenzione sullo strumento (le opere) e la voce (le gallerie). Con il titolo Stasi Frenetica, dal 7 novembre 2020 al 9 gennaio 2021 (anteprima su invito il 5 e 6 novembre 2020), i musei della Fondazione Torino Musei – GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama - Museo Civico d’Arte Antica e MAO Museo d’Arte Orientale – ospiteranno un corpus di opere provenienti dalle gallerie di Artissima selezionate per questa edizione della fiera, offrendo uno spaccato di quello che il pubblico avrebbe trovato negli stand. Una

LUCKY LUCIANA, la rapper che si è fatta conoscere per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito

Trasgressiva, irriverente ed esplosiva, LUCKY LUCIANA è una rapper decisa ad abbattere i tabù e a riscrivere le regole della scena urban italiana al femminile!      L’artista si mostrerà, lunedì 16 novembre, in una veste ancora più provocatoria nel video di “ WAP ITALIAN REMIX ”, una rivisitazione della chiacchieratissima hit mondiale di Cardi B e Megan Thee Stallion. Lucky Luciana si è fatta conoscere quest’anno per il suo linguaggio sfacciatamente esplicito con i brani “ Lucky Pussy Cash ” e “ A Milano ”, in cui l’artista racconta parte del suo passato difficile e i lati più controversi del capoluogo lombardo. Classe 1995, Lucky Luciana, pseudonimo di Luciana Campolongo, nasce a Castrovillari in provincia di Cosenza. Da sempre amante della scrittura, si sente finalmente libera di esprimersi solo quando incontra un linguaggio affine alla propria penna, il rap. Nei suoi testi ritroviamo infatti la sua vita, segnata da un’infanzia difficile a causa di un padre assente e di u

DENISE FARO DAL 20 NOVEMBRE 2020 IN RADIO E DA OGGI DISPONIBILE IN PRE-SAVE “Jacuzzi”

Denise Faro Poliedrica, eclettica e “ figlia del mondo ” DENISE FARO è una cantante, autrice e attrice italiana che da anni vive a Los Angeles. Il 20 novembre entrerà in rotazione radiofonica il nuovo singolo, “ Jacuzzi ” , da oggi disponibile in pre-save.   www.denisefaro.com/jacuzzi Appassionata fin da bambina al canto, alla danza e alla recitazione, Denise ha mosso i primi passi ricoprendo alcuni ruoli sugli schermi televisivi e cinematografici fino a calcare i palchi teatrali italiani e internazionali. In seguito, dedicatasi principalmente alla musica è stata la prima e unica italiana ad entrare nel famoso tv show messicano “ La Academia ” , una competizione canora che ha visto nascere alcuni dei più grandi artisti latini. Lo show dà il via alla carriera oltreoceano di Denise che nel 2012 conquista i cuori latini, vincendo u no dei "festival della canzone ” più importanti al mondo, “ El Festival de Viña del Mar ” , rappresentando l ’ Italia con un suo brano inedi